Cristiano Ronaldo Pallone D’Oro 2018, Allegri sta con il portoghese: “Lo merita”

Pubblicato il autore: Maurizio Ceravolo Segui

Cristiano Ronaldo – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Se ti chiami Cristiano Ronaldo e, negli ultimi dieci anni, hai vinto 5 volte il pallone d’oro, quando arriva questo periodo dell’anno il tuo desiderio non è rientrare tra i 30 candidati alla vittoria finale ma essere lì tra i tre che arrivano a contendersi il tanto agognato premio. Quest’anno, però, secondo indiscrezioni provenienti dalla Francia potrebbe non accadere. Ciò verrebbe provato dal quotidiano “L’Equipe” il quale ha utilizzato, in quest’ordine, Mbappé, Varane e Modric per sponsorizzare l’evento della premiazione per il Pallone D’oro 2018 che si terrà a Parigi il prossimo 3 dicembre.

Ha commentato questi rumors, in conferenza stampa, Massimiliano Allegri, allenatore di Cristiano Ronaldo alla Juventus, dicendo che “lo meriterebbe per come sta lavorando e come ha sempre lavorato”. Lo stesso Allegri, nella scorsa stagione, lo aveva incrociato in Champions per ben due volte e, in particolare a Torino, la sua prestazione fu così oggettivamente spettacolare da generare un applauso spontaneo da parte di tutto il popolo bianconero lì presente.

Leggi anche:  Dove vedere Uruguay-Cile, streaming e diretta tv in chiaro Copa America?

Ma cosa potrebbe portare il talento portoghese a vincere il pallone d’oro e cosa lo allontanerebbe da questo prestigioso premio?
Le motivazioni a favore potrebbero essere tre: 1 nonostante l’età riesce sempre a mantenere una condizione fisica e atletica impeccabile; 2 ha deciso di trasferirsi in un nuovo club per dimostrare al mondo il suo talento; 3 è l’uomo Champions. Il punto più importante è sicuramente il secondo perché, a 33 anni, avere il coraggio di trasferirsi in un alto club è facile ma, dimostrare di riuscire a spostare gli equilibri, anche in un altro paese e in un altro campionato non è da tutti.

Il motivo contro è solo uno: è andato via da Real Madrid. Ebbene si, se da un lato trasferirsi ha giovato a se stesso dall’altro, visto il potere che i Blancos hanno a livello mondiale, il suo trasferimento lo potrebbe anche aver messo sotto una cattiva luce tanto da oscurare il suo talento. Sono, invece, infondate le teorie sulla sua poca incisività con la maglia del Portogallo perché, anche in nazionale, non ha mai sfigurato.

Leggi anche:  Juventus, spunta un nuovo nome per l'attacco: Petagna

Tutto ciò, ha creato un gran caos mediatico e “L’Equipe” può avere soltanto alzato un’inutile polverone. Di certo c’è che presto ne sapremo di più ma la percezione è che comunque, nei posti che contano, Cristiano Ronaldo e Messi ci saranno sempre…

  •   
  •  
  •  
  •