Cristiano Ronaldo “scagiona” Higuain per l’espulsione: “Va capito, era nervoso”

Pubblicato il autore: Matteo Ingrosso Segui

Gonzalo Higuain – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

La Juventus è padrona di San Siro, dopo la vittoria firmata Mandzukic e Cristiano Ronaldo. Nel mezzo anche un rigore parato da Szczesny e l’ennesimo errore dal dischetto del “Pipita”, Gonzalo Higuain. Ormai un incubo ricorrente per l’attaccante argentino quello del rigore, che riporta alla mente il passo falso contro la Lazio, quando vestiva la maglia del Napoli. Per calciare dal dischetto, va detto, bisogna avere il coraggio di prendersi tale responsabilità e, in quanto a coraggio, a Higuain non si può rimproverare nulla. “I rigori li sbaglia solo chi ha il coraggio di tirarli” disse un giorno Diego Armando Maradona, idolo di Gonzalo. La responsabilità maggiore per il “Pipita” semmai è quella di aver abbandonato i suoi compagni di squadra nel momento più importante della partita. Uno scatto di nervosismo, una pressione scesa improvvisamente sulle spalle di Higuain, schiacciandolo fino a fargli perdere la testa.

Leggi anche:  Juventus, rientro di Mattia Perin: si spera nella conferma

In tutto questo, resta la grande prova di Cristiano Ronaldo, che torna a segnare a San Siro, ma per la prima volta su azione. L’ultima circostanza in cui il portoghese è andato a segno in quello stadio risale alla seconda delle tre finali di Champions vinte con la camiseta blanca. In quel caso però il goal arrivò su calcio di rigore, appunto. Una serie di sliding doors che hanno dato forma alla gara di ieri, in cui è ancora Cristiano Ronaldo a esultare. Lo stesso CR7 ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine della partita, rispondendo alla domanda riguardante la reazione di Higuain al momento dell’espulsione:”A Gonzalo ho detto di non esagerare, altrimenti avrebbe rischiato di prendere una squalifica pesante. Non ha fatto niente di grave, va capito perché era nervoso. Non va punito“. Una lancia spezzata a favore di Higuain da parte di Cristiano Ronaldo. Due che sono stati compagni di squadra e che per un pelo non hanno condiviso nuovamente la stessa maglia.

  •   
  •  
  •  
  •