Inter, Spalletti in conferenza:”Non è una partita più facile delle altre”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui

Luciano Spalletti – Foto Getty Images© per SuperNews

L’Inter, dopo la brutta batosta rimediata a Bergamo nel 4-1 inflitto dall’Atalanta, ha l’obbligo di ricominciare a vincere in campionato già nella sfida casalinga di Sabato sera contro il Frosinone, soprattutto in vista dei prossimi impegni che saranno contro avversari di livello.

Nella consueta conferenza stampa alla vigilia della partita, il tecnico dell’Inter, Luciano Spalletti, ha voluto sottolineare l’importanza di questa partita e che si fida dei suoi calciatori in vista del ‘filotto’ di partite che sarà decisivo per la stagione dei nerazzurri sia in Campionato che in Champions League: “È fondamentale che venga presa seriamente in considerazione l’importanza di questa vittoria, ma non è una partita più facile delle altre. È solo la prima di un pacchetto di gare difficili, andiamo a giocarci una fetta importante del nostro futuro.”

Leggi anche:  Juventus, è morto Giampiero Boniperti

L’ex tecnico della Roma potrà avere a disposizione finalmente un recuperato Nainggolan che, nel match contro l’Atalanta, non era stato nemmeno convocato. In merito alla sua condizione, Spalletti ha dichiarato: “La sua condizione è estrosa, non è mai normale. È un calciatore che in soli 10 minuti può darti un’impennata alla partita, si parla sempre di vampate. Ora è completamente recuperato, la fatica non gli crea grandi problemi quindi averlo a disposizione ci fa piacere.”

Molti giornalisti danno come titolare nella partita di Sabato sera, Keita Balde che, fino ad oggi, non ha avuto molto spazio negli ’11’ scelti dal tecnico nerazzurro. Per quanto riguarda il talento senegalese, l’allenatore dell’Inter ha affermato: “Ha il timbro top, la sfacciataggine di proporti qualcosa in qualsiasi partita. Ma bisogna stare attenti a quello che sarà il pacchetto di partite e valutare chi può essere meglio in una partita e chi in un’altra. Tutti i nazionali sono tornati in condizione di giocare, così come chi è rimasto a Milano. ”

Leggi anche:  Euro 2020, cresce l'entusiasmo intorno all'Italia di Mancini

Si è parlato nelle scorse settimane, dell’imminente arrivo tra le file della dirigenza dell’Inter, di Giuseppe Marotta. Spalletti in conferenza lo elogia e ha dichiarato di aspettare dei segnali dalla società in quanto c’è una trattativa che va avanti e il presidente sta tornando dalla Cina. Lui è un trequartista che gioca tra le linee, sa quando andare di là e quando venirti incontro. È stato in tutti i livelli del nostro campionato, i suoi risultati parlano da soli.

L’Inter nelle ultime settimane è stata vittima di alcuni infortuni che hanno riguardato soprattutto il centrocampo, che è sembrato aver bisogno di contare su ulteriori uomini di qualità. In merito agli infortuni e ad eventuali interventi nel mercato di Gennaio, Spalletti ha affermato: “Ho una mia teoria riguardo gli infortuni, succedono di più alle grandi squadre perché c’è più tensione (…) Non mi sembra che l’Inter ne abbia avuti moltissimi, siamo nella norma e siamo in grado di andare a far fronte a eventuali problemi che possano accadere perché la nostra è una rosa fatta da un numero di calciatori che ci permette di poter gestire queste vicende. È chiaro che, se accadono nello stesso ruolo, c’è il problema di cambiare qualcosa o adattare qualche calciatore. Al momento non abbiamo necessità di fare qualcosa d’importante nel prossimo mercato, poi se ci sarà qualche occasione dovremo farci trovare pronti e svegli.

Leggi anche:  Nico Gonzalez alla Fiorentina: cifre e dettagli dell'accordo

 

  •   
  •  
  •  
  •