Keita Baldè annienta il Frosinone: “Preferisco il 4-3-3, esalta le mie qualità”

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

Atalanta – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Ai microfoni di DAZN, dopo essere stato protagonista nella vittoria dell’Inter a Frosinone Keita Baldé, attaccante dell’Inter e della nazionale catalana, cresciuto nelle giovanili del Barcellona, ha manifestato tutta la sua gioia per la prestazione sua e dell’Inter, una vittoria che serviva ai tifosi per cancellare la brutta figura rimediata contro l’Atalanta e per dare morale in vista del match di Champions determinante per il proseguo dell’Inter nella massima competizione europea:

“Sono consapevole dei miei mezzi, lavoro molto in allenamento e sono molto fiducioso. Mi mancava una serata così, ma penso di aver risposto bene. È normale, a tutti piace giocare. Non importa quanto si gioca: 10′, 45′ o 90′, l’importante è dare una mano alla squadra. La vittoria era importante per tutti, soprattutto dopo Bergamo. Abbiamo risposto bene, ora bisogna pensare alla sfida di Champions”.

Keita Baldè: “4-3-3 sono più abituato”

Protagonista indiscusso del match, Keita è stato preferito a Perisic, che appare in questi ultimi mesi molto sottotono, come se non si fosse ripreso delle fatiche mondiali che lo hanno portato a sfiorare, con la sua Croazia, il gradino più alto del podio. L’assenza di Ivan non si è infatti sentita, anzi, si è vista brillare una stella che mancava da molto sulla fascia d’attacco sinistra dell’Inter, a dimostrazione di quanto il calciatore catalano posso dare alla squadra di Spalletti, sia se si gioca con il classico 4-2-3-1, modulo molto caro al tecnico toscano, sia con il 4-3-3, variante comunque apprezzata dal buon Luciano.

Leggi anche:  Dove vedere Uruguay-Cile, streaming e diretta tv in chiaro Copa America?

Per quanto riguarda il modulo Keita spiega ai microfoni di RMC Sport, che preferisce il 4-3-3, più adatto al suo stile di gioco, ma comunque si adegua perfettamente al 4-2-3-1:

“Sono contento per la partita che ho fatto e i gol. Ci volevano questi tre punti dopo la sconfitta di Bergamo. Siamo usciti subito concentrati con le idee chiare. Il vantaggio è arrivato subito e abbiamo continuato a giocare nello stesso modo. Servono tantissimo questi gol anche a livello personale, avevo bisogno di vivere una serata così e speriamo di viverne anche molte altre. 4-3-3 sono più abituato perché posso fare l’esterno più offensivo e creare più pericoli, ma anche nel 4-2-3-1 so cosa devo fare. Siamo una grande squadra e tutti i giocatori possono dare il loro contributo. Tottenham, Roma e Juve? Saranno tutte belle partite contro squadre molto forti, ma lo stesso discorso varrà per loro. Saranno comunque fondamentali per il nostro cammino”.

  •   
  •  
  •  
  •