Lazio, settimana da incubo per Simone Inzaghi e domenica arriva la Juventus

Pubblicato il autore: Mario Puzzilli

La Lazio si allena a Formello per il meglio, provando alcune novità tattiche ma il mister Simone Inzaghi non sta vivendo un buon momento. Radio, giornali, ex giocatori e soprattutto tifosi laziali, troppi a criticare e a consigliare qualche faccia nuova da schierare che dia un qualcosa in più in un momento delicato del campionato. L’Atalanta va a mille trascinata dal suo bomber Zapata mai così prolifico. La Roma trova nuovi stimoli con Zaniolo, un predestinato che qualcuno non aveva notato. Infine il Milan che con l’arrivo di Paquetà prima ed ora Piatek forse ha fatto quel salto di qualità che i tifosi volevano.
Tutto questo mentre a Formello si prepara la delicata e forse già scontata per quanto riguarda il risultato sfida alla capolista Juventus. Fino ad ora Inzaghi ha dimostrato fino ad ora di avere delle pecche nella gestione di un gruppo come quello a sua disposizione. La piazza mormora, anche a causa anche delle possibili cessioni di due nazionali come Murgia e Caceres. Altre squadre farebbero salti mortali pur di averli in campo, qualcosa veramente non va.

Leggi anche:  Skriniar via dall'Inter, l'indizio arriva dai social: Lautaro non lo segue più su Instagram

Lazio, tanti casi aperti a Formello

In casa Lazio si discute delle critiche a Inzaghi per non aver fatto giocare di più i nuovi arrivi. Berisha, Badelj e il giovane Pedro Neto avrebbero meritato forse più spazio anche in relazione alle prestazioni dei titolari non sempre all’altezza della situazione. Quindi la speranza per i tifosi bianco-celesti e che il tecnico laziale riesca a far reagire la squadra. Nelle ultime partite la Lazio non è tranquilla, come Inzaghi stesso. Il tecnico deve ritrovare la calma dei giorni migliori della sua gestione. Dovrà scegliere al meglio modulo tattico e uomini da schierare e che renda cara la pelle nelle prossime partite. Domenica all’Olimpico arriva la Juventus e un’altra sconfitta potrebbe avere pesanti ripercussioni anche sulla classifica.

  •   
  •  
  •  
  •