Maxi Lopez: “L’Inter è stufa di Wanda Nara. Icardi è peggio di lei, non voglio avere contatti con loro”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

La telenovela Icardi-Inter, le parole forti di Maxi Lopez. In casa nerazzurra non si è ancora risolta la questione tra l’ormai ex capitano argentino e la società. Per il momento Icardi non è stato nemmeno convocato per la sfida contro il Rapid Vienna e non ci sono all’orizzonte segnali di disgelo. Intervenuto ai microfoni di Radio la 990, Maxi Lopez, ex marito di Wanda Nara, ha commentato così la vicenda che sta tenendo banco da più di una settimana: “Wanda ha un modo di fare esageratamente ciarliero per l’Italia, i dirigenti italiani sono molto più duri di quelli argentini, l’Italia è tutta un’altra cosa. Credo che quello che sta succedendo è che i dirigenti dell’Inter si siano stufati di lei e di questo modo di fare, in più il livello di Icardi non è lo stesso del passato e quindi si è creata questa situazione. I procuratori bravi fanno la differenza perché sanno leggere questi momenti, sanno capire quando pressare, quando parlare, quando no. Io credo che un giocatore di un certo livello debba essere rappresentato da una persona di un certo livello”.

Il rapporto burrascoso tra Maxi Lopez e Icardi. L’attaccante argentino, ora al Vasco de Gama, è sempre stato in contrasto con l’ex moglie Wanda Nara e i due sono andati avanti nel corso degli ultimi anni a colpi di accuse e sentenze di tribunale. Nel corso dell’intervista alla radio argentina, Maxi Lopez punta il dito contro l’atteggiamento di Icardi e dichiara: “Mauro ha lo stesso atteggiamento di Wanda, anzi a volte peggiore. Così ho deciso di non avere contatti, il suo comportamento è sempre lo stesso. Io gli avevo detto che avrebbe capito certe dinamiche una volta diventato padre ma non è stato così. Per esempio ieri era il compleanno di mio figlio e mi hanno attaccato il telefono, che rapporto puoi avere con gente così?”. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Lazio-Inter, probabili formazioni: Inzaghi attende i sudamericani, Sarri ritrova Immobile