Empoli, cambio in panchina: esonerato Iachini, torna Andreazzoli

Pubblicato il autore: Walther Bertarini

Giuseppe Iachini non è più l’allenatore dell’Empoli: lo ha annunciato poco fa la società toscana con un comunicato sollevando anche i suoi collaboratori. Al suo posto è stato richiamato Aurelio Andreazzoli esonerato lo scorso 5 novembre dopo il 5-1 di Napoli.

Fatale a Iachini è stata la sconfitta di Roma sponda giallorossa non priva di polemiche tra l’altro (gol annullato a Krunic), ma soprattutto il calo dei risultati dell’ultimo periodo ( una vittoria contro il Sassuolo nelle ultime 12 gare). Eppure aveva avuto un ottimo impatto sulla piazza conquistando tre vittorie nelle prime quattro partite (Udinese, Atalanta e Bologna tra queste), mettendo in mostra alcuni giovani interessanti come Zajc, Bennacer, Krunic e La Gumina: in particolar modo la vena realizzativa di Francesco Caputo capace di tirare fuori i toscani dalla zona retrocessione. Un entusiasmo che è andato via via scemando con la cessione dello stesso Zajc al Fenerbahce con le sconfitte che alla fine sono diventate un abitudine e soprattutto con il Bologna che si è avvicinato pericolosamente alle spalle.

Leggi anche:  Genoa e Reggina, rischio penalizzazione fin da subito?

Ora alle porte la sfida “spartiacque” contro il Frosinone e per questo probabilmente serviva uno scossone per cercare di riportare la nave in linea di galleggiamento. Iachini, ricevuta la notizia dell’esonero, ha voluto salutare il pubblico di Empoli: “Quando sono arrivato eravamo retrocessi e ad oggi lascio la squadra salva. Domenica c’è la partita col Frosinone. Resto convinto che ci saremmo salvati.” Al tecnico gli vengono rimproverati i troppi goal presi e lui risponde: “Ne abbiamo parlato: Paradossalmente abbiamo segnato anche tanto, Caputo ha fatto tanti goal. Con gli scontri diretti ci saremmo potuti salvare. Comunque nessuna polemica, accetto la decisione della società e colgo l’occasione di ringraziare tutti sono stato molto bene. Il calcio è fatto così a volte..per impegno e dedizione dico grazie ai ragazzi“.

  •   
  •  
  •  
  •