Juventus Allegri, il destino del tecnico bianconero passa dall’Atletico Madrid

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado

Sono parole di distensione quelle pronunciate questa mattina dal tecnico della Juventus Allegri, alla vigilia del big match di campionato contro il Napoli. Dopo le critiche successive alla sconfitta contro l’Atletico Madrid nella gara d’andata degli ottavi di finale di Champions League e fomentate anche da alcune prestazioni sottotono della squadra bianconera in campionato l’allenatore della Juventus Allegri a poche ore dal match contro gli azzurri di Ancellotti ha fatto il punto della situazione sulle attuali condizioni della squadra ed ha parlato anche del proprio futuro, in questi giorni al centro di numerose “ricostruzioni”.

Juventus Allegri fa chiarezza sul proprio futuro

“Ho visto il presidente l’altro giorno , lo vedo quasi sempre quando è a Torino. Adesso avremo il Napoli, poi l’Udinese e l’Atletico Madrid , poi parleremo di come è andata l’annata e del futuro. Io sono legato alla Juventus. Ci hanno dato per morti prima di essere eliminati dalla Champions e di conseguenza sono uscite voci sul mio addio. Io mi vedrò con il presidente come tutti gli anni e parleremo. Decideremo se continuare insieme o se ciascuno poi andrà per la propria strada. Deciderà, deciderà e decideremo su cosa fare. Ora dobbiamo rimanere concentrati sulle partite da giocare. Prima c’è il Napoli e altre gare da vincere in campionato, poi penseremo all’Atletico”.

Massimiliano Allegri nel corso della conferenza stampa di presentazione del big match di domani contro il Napoli ha voluto “difendere” anche il proprio operato da quando è alla guida della Juventus ricacciando le critiche che nel corso anche delle scorse stagioni spesso gli sono piovute addosso.

Leggi anche:  Serie C, dove vedere Juventus Next Gen-Piacenza: diretta TV e streaming live

Anche quest’anno siamo ancora in corsa per il campionato e per la Champions. Si erano create troppe aspettative su questa Juventus in maniera sbagliata. Si pensava che andassimo a vincere 3 a 0 a Madrid con l’Atletico.  Non scordiamo che nella mia gestione in Europa la Juventus ha perso 11 volte. Una a Berna e Siviglia,con il turno già passato, una col Manchester in casa e avete visto come, un’altra l’abbiamo persa a Monaco, che poi avevamo pareggiato, e tutte le altre le abbiamo perse con Barcellona, Real Madrid ed Atletico. Due, due  e due. Io non sono amante dei dati  ma questo è un dato. E sono le tre squadre che nel ranking europeo sono sopra la Juventus”.

Prima dell’Atletico Madrid e dello snodo cruciale in Champions League in programma il prossimo 12 aprile per la Juventus c’è la sfida contro il Napoli in campionato che potrebbe segnare una tappa decisiva per la conquista dell’ennesimo Scudetto da parte dei bianconeri. Ne è consapevole lo stesso Allegri che ha fatto il punto della situazione in casa bianconera in vista dell’importante match di domani in programma al San Paolo.

Leggi anche:  Castrovillari-Catania, streaming gratis e diretta tv in chiaro? Dove vedere Serie D

“Domani ci giochiamo 2/3 di Scudetto. E’ una questione di matematica. Noi ci giochiamo molto del titolo. A livello mentale è una grande soddisfazione battere la seconda confermando quanto di buono stai facendo. In caso di vittoria il divario diventerebbe molto ampio e le nostre possibilità di vittoria finale aumenterebbero molto. Poi è una grande sfida perché loro vogliono batterci per dimostrare che sono più bravi di noi. Non dovremo fare una partita di grande livello perché si affrontano due squadre che negli ultimi anni hanno lottato per lo Scudetto”.

  •   
  •  
  •  
  •