As Roma e Champions League, un amore infinito

Pubblicato il autore: Elena Caruso

As Roma 18/11/2017 – campionato di calcio serie A / Roma-Lazio / foto Antonello Sammarco/Image nella foto: coreografia tifosi Roma.

La Roma vuole la qualificazione in Champions League e la vuole con tutte le sue forze. Il cammino della compagine giallorossa non è stato semplice sino a questo momento arrivando addirittura, quasi al termine del campionato, all’esonero di Di Francesco e al ritorno del traghettatore Ranieri.

La scelta del cambiamento, di un cambiamento così radicale non è mai semplice ma nella necessità si sa a cadere è sempre forse il meno colpevole. Quanto detto però appartiene al passato, un passato recente certo ma pur sempre passato e la Roma deve andare oltre, deve ripartire dal quel quarto posto che sa di Champions League e che sta rincorrendo dall’inizio del campionato.

Leggi anche:  Cagliari, le trattative di calciomercato che si stanno per chiudere

La qualificazione è possibile ed è vicina ma la Roma deve avventarsi sui pochi punti rimasti a testa bassa e con tutte le energie di cui ancora dispone perché Atalanta e Milan continueranno a dare battaglia sino alla fine.

L’arrivo di Ranieri ha probabilmente rigenerato le energie mentali grazie alla grinta del vero tifoso ma c’è già aria di cambiamento in casa Roma. L’Allettante alternativa è Conte che con sé dovrebbe portare un progetto nuovo e votato alla vittoria. Anche per questo l’accesso alla Champions League è fondamentale, prima di tutto per non perdere i pochi giocatori che ancora possono dare qualcosa d’importante per questa squadra e poi per portare forze nuove ma concrete.

La Roma ha mostrato negli ultimi anni di poter competere in campo internazionale con una formazione solida e combattiva, basti pensare al capolavoro contro il Barcellona ma anche alla prova di ritorno offerta contro il Liverpool. Anche di recente i giallorossi hanno fornito prova di poter competere anche nelle difficoltà e con una formazione fortemente rimaneggiata, in negativo grazie all’operato scellerato di Monchi: pur senza  grande convinzione e con tanti alti e bassi i giallorossi sono comunque riusciti ad arrivare agli ottavi, probabilmente senza crederci troppo, salvo poi essere eliminati dal Porto. Nessuno avrebbe comunque scommesso sull’attuale Roma che dopo la splendida cavalcata della scorsa Champions ha a più riprese tradito le attese, soprattutto in campionato, mostrandosi squadra da rivoluzionare nella quasi totalità.

Leggi anche:  Coppa Italia, probabili formazioni Inter-Atalanta: le scelte di Inzaghi e Gasperini

Probabilmente l’unico modo per la Roma di risollevarsi e rimaneggiare la squadra, questa volta si spera in positivo anche perché difficilmente in futuro si potrà fare peggio di così, ricade proprio nella qualificazione per la prossima Champions League.

  •   
  •  
  •  
  •