Tite “punisce” Neymar, Dani Alves è il nuovo capitano del Brasile

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui


Pare non finire più la stagione da incubo di Neymar. Il talento brasiliano del PSG ha fatto parlare di se in questa stagione, ma in negativo. Gli atteggiamenti in e fuori dal campo da parte dell’ex Barcellona sono sempre più irritanti e fastidiosi. L’ultimo episodio risale alla finale di Coppa di Francia, quando nel post partita, O’Ney sferrò un pugno verso un tifoso avversario, reo di aver offeso lui e i suoi compagni di squadra.

Neymar non riesce proprio a stare lontano dalle polemiche che oramai sono più dei risultati in campo. L’occasione per rilanciarsi ad alto livello ce l’avrà quest’estate con la Copa America. Il trofeo sud americano più importante si disputerà proprio in Brasile e la Selecao non può fallire. Tradotto: Neymar non può fallire.

Leggi anche:  Prva Liga croata: Dinamo Zagabria-Fiume 0-2

Il cammino verso il prestigioso trofeo per nazionali è però in salita per lui. Infatti, il tecnico del Brasile, Tite, ha deciso di non conferirgli la fascia di capitano come gli spettava per destinarla a un giocatore con più esperienza e con un maggior self control in campo: Dani Alves.

Decisione ufficiale 

La Federazione brasiliana ha confermato la decisione mediante i propri canali ufficiali, a testimonianza della irrevocabile decisione dell’allenatore. Il pugno verso il tifoso del Rennes è stato determinante per far maturare la decisione a Tite. Neymar non è nuovo riguardo a questi cambiamenti di fascia. Il Brasile ci ha provato più volte a dargli fiducia, conferendogli l’importante titolo di capitano, ma O’Ney non ha mai retto la pressione, finendo in risse inutili e comportamenti infantili. Nonostante abbia vinto un’Olimpiade da capitano, Neymar in quel caso ammise di non essere adatto al ruolo, finendo per cedere la fascia a Miranda. Speriamo che il Brasile abbia trovato un vero capitano dopo il fallimento dei vari Thiago Silva, Miranda e per l’appunto Neymar. Il fallimento più grande.

  •   
  •  
  •  
  •