Calciomercato Inter: Sorpasso della Roma su Barella, Sensi firma la prossima settimana

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui


Siamo ormai prossimi all’inizio del calciomercato estivo ma i top club di europa si sono già iniziati a muovere per regalare ai propri allenatori, dei nuovi innesti per la prossima stagione in grado di far fare il salto di qualità alle proprie rose. Tra queste società vi è certamente l’Inter che, dopo aver ufficializzato Antonio Conte alla guida del ‘timone’ nerazzurro, ha dedicato il mese di Giugno ha far tornare i conti nel quadro delle plusvalenze e gettare le basi di un mercato estivo che sembra quanto meno avere delle premesse molto interessanti.

Calciomercato Inter: Fronte plusvalenze

Per quanto riguarda il ‘capitolo plusvalenze’, Marotta e Ausilio hanno lavorato nella stessa direzione degli ultimi anni: no alla cessione dei ‘top’ in rosa a un costo minore rispetto al loro valore reale, sì alla cessione di giovani della primavera magari, prendendo esempio dall’errore di Zaniolo nello scorso anno, prevedendo clausole come la ricompra, percentuali alte sulla futura cessione e qualche gentleman agreement per un eventuale ritorno in nerazzurro.
Secondo quanto riportato dalla ‘Gazzetta dello Sport’, l’Inter avrebbe incassato dalla cessione di molti suoi pezzi pregiati della primavera ben 61 milioni circa. Sei milioni sono arrivati per la cessione di Zappa e di Puscas rispettivamente al Pescara e al Palermo, quattro milioni dalle cessioni di Burgio e Merola ad Atalanta e Bologna, dieci milioni dalle cessioni di Adorante e Vergani a Parma e Roma, circa 27 milioni per le cessioni di Gavioli, Rizzo e Pinamonti (con la recompra) al Genoa e circa quindici milioni dall’operazione Vanheusden allo Standard Liegi.

Leggi anche:  Serie A femminile: la Juventus chiama, il Milan risponde

Come detto in precedenza, l’Inter ha agito sulla falsa riga degli anni precedenti in cui ha ottenuto 30 milioni circa di plusvalenza nella stagione 2017/18 (per le cessioni di Radu, Bettella, Valletti, Carraro, Odgaard e Zaniolo) e una trentina di milioni anche nella stagione 2016-17 (con le partenze di Guelfi, Gravillon, Di Marco, Miangue, Caprari, Biraghi e Laxalt).

Primi colpi nerazzurri

Negli ultimi giorni di Giugno la società nerazzurra ha definito i primi due acquisti che si uniranno alla rosa disponibile per il raduno estivo alla guida di Antonio Conte: Stefano Sensi e Valentino Lazaro.
Per quanto riguarda l’ormai centrocampista ex Sassuolo, l’Inter lo ha strappato alle pretendenti (Milan fra tutte) con la formula del prestito oneroso a cinque milioni con diritto di riscatto fissato tra i 22 e i 25 milioni (a seconda dei bonus raggiunti). Al classe ’95 viene assicurato un quinquennale da 1,8 milione a stagione.

Leggi anche:  Probabili formazioni Lazio-Sassuolo: le ultimissime

Mentre per quanto riguarda l’esterno dell’Herta Berlino, Lazaro, i due club avrebbero trovato l’accordo su una base di 21 milioni + 3 di bonus.
Per ciò che concerne Dzeko e Lukaku, le trattative proseguono per regalare all’allenatore salentino le due punte che, insieme a Lautaro, completerebbero il reparto offensivo in quanto Icardi dovrebbe essere considerato fuori dal progetto tecnico della nuova Inter.
Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, la Roma avrebbe sorpassato l’Inter per la corsa a Barella con un’offerta di circa 35milioni più il cartellino di Defrel: nelle prossime ore ci saranno aggiornamenti.

Fronte Cessioni

Per quanto riguarda il ‘capitolo cessioni’ l’Inter è molto vicina nel cedere Dalbert al Lione per una ventina di milioni circa (17+3 di bonus). Nelle ultime ore si continua a trattare per una cifra leggermente superiore, anche perché l’Inter deve una percentuale sulla cessione al Nizza.
Su Icardi al momento non ci sono offerte o novità rilevanti, su di lui sempre vigile l’attenzione di Paratici e della Juventus che, almeno al momento, non ha avanzato proposte concrete. Stesso discorso vale per Nainggolan che, secondo quanto riportato dalle principali testate giornalistiche, non rientra nei piani di Antonio Conte.

  •   
  •  
  •  
  •