Inter, Antonio Conte in conferenza: “Nessun limite, semplice scegliere l’Inter”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui

La nuova Inter di Antonio Conte ha iniziato ufficialmente la stagione 2019-2020 con la conferenza stampa dell’Ad Marotta e del tecnico Antonio Conte che ha dato avvio al ritiro a porte chiuse di Lugano. Conferenza stampa che ha regalato degli spunti più che interessanti, che ha mostrato la nuova strada che sta intraprendendo la società, gli obbiettivi dei nerazzurri sul campo e sul mercato e le indicazioni tattiche ma soprattutto ‘umane’ richieste dal tecnico ex Chelsea.

La conferenza stampa inizia con un ringraziamento di Marotta nei confronti della dirigenza a lui antecedente e ad Ausilio e Antonello per il lavoro svolto negli ultimi anni, volto a superare con successo il Settlement Agreement della Uefa che ha permesso di porre le basi per una società più solida e più libera da vincoli tassativi. Poi la parola è passata ad Antonio Conte che ha parlato dell’apporto che può dare all’Inter, delle motivazioni della sua scelta, ciò che vuole dai suoi calciatori, gli obbiettivi della sua Inter e tanto altro…

Leggi anche:  Natale, L'AS Roma a sostegno delle fasce più fragili della popolazione

Per ciò che concerne la sua scelta, il tecnico salentino ha dichiarato: “E’ stato semplice scegliere l’Inter. Ci siamo trovati ad avere la stessa visione e questo è stato molto importante per me quando mi sono trovato a parlare con il direttore e con il presidente. Ci siamo trovati a condividere la stessa ambizione, la stessa voglia di costruire qualcosa di importante ben sapendo che dovremo passare da un percorso che è fatto di lavoro, fatica e sudore. La presenza del direttore Marotta è stato certamente un incentivo. Lui mi conosce bene, sa quali sono i miei pregi e difetti così come io conosco i suoi. Ho scelto una società di grande tradizione, una delle più importanti al mondo, è stato semplice accettare”.

Conte: non dobbiamo assolutamente porci limiti

L’ex commissario tecnico della Nazionale ha parlato anche delle reali possibilità della sua Inter di ambire allo scudetto e del gap con le principali contendenti al titolo : “Io sono una persona che non si pone limiti e non voglio che altri se ne pongano ad inizio stagione. Ponendomi dei limiti darei subito degli alibi a tutto l’ambiente e non voglio che questo accada. Sappiamo benissimo che negli ultimi anni si è venuto a creare un gap enorme nei confronti di due squadre, soprattutto nei confronti della Juventus, ma c’è anche il Napoli che ha dimostrato di poter competere ad alti livelli. Sappiamo che siamo chiamati a lavorare meglio degli altri per colmare questo divario, però dobbiamo partire con l’ambizione di dare tutto quello che abbiamo e alla fine vedremo che cosa accadrà”.

Leggi anche:  Sassuolo-Lazio, streaming e diretta tv Sky o Dazn? Dove vedere Serie A

Il neo allenatore nerazzurro ha anche aggiunto che deve avere la percezione di avere anche solo l’1% di possibilità di vincere, questo significa che al 99% puoi perdere, ma che a lui piace lavorare sull’1% di possibilità. C’è un dato di fatto: una squadra che da otto anni sta facendo un campionato a parte e in più c’è il Napoli, l’Inter dovrà essere in grado costruire qualcosa che non richieda nemmeno troppo tempo. Conte però ha anche specificato che nessuno ha la bacchetta magica e l’unico modo per poter pensare di colmare il gap con Juventus e Napoli è quello di lavorare di più e meglio di loro.

  •   
  •  
  •  
  •