Messi e l’ennesimo fallimento con l’Albiceleste

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

L’Argentina di Lionel Messi, è stata eliminata stanotte in semifinale di Coppa America dal Brasile, al Mineirao di Belo Horizonte, teatro del 7-1 dei Mondiali del 2014, quando la Germania massacrò i verdeoro in casa.
Messi, anche questa volta non apparso come il solito trascinatore, campione, leader nel Barcellona. Dove ha ottenuto Liga, Coppe del Re, Champions League, Palloni d’Oro ed oltre 600 gol.
Perché non avviene con la Seleccion? perché la Pulce, con la maglia della nazionale ha difficoltà ad esprimere le sue qualità per portare in trionfo una squadra che non vince un titolo da 26 anni? l’ultimo trionfo, infatti è datato 1993, Coppa America, in Ecuador, quando l’albileceste ebbe la meglio sul Messico.
Pesa ancora l’eredità di Diego Armando Maradona? quel numero 10, e quella fascia di capitano, che resteranno nella storia. Infatti in patria, Messi è un idolo, ma “el pibe de Dios” un mito.

Leggi anche:  Serie C, dove vedere Palermo-Teramo: streaming e diretta tv Sky Sport?

Sembra che Messi, avverta la pressione di un paese,  che vuole vincere tornare grande a livello internazionale. Eppure l’età avanza, Messi ha già 32 anni, e nel prossimo Mondiale, non sappiamo se potrà essere decisivo, come lo è in Spagna in terra catalana. Ma non si ferma a lanciare frecciatine al Var e agli arbitri dopo la gara col Brasile nel “clasico” sudamericano in una intervista al quotidiano spagnolo Marca: “Il Brasile gestisce tutto. Negati due rigori all’Argentina, Forse si sono annoiati di andare al Var”. 

  •   
  •  
  •  
  •