Atalanta Gomez, in campo meglio da Trequartista

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui


 

ATALANTA GOMEZ: LA SITUAZIONE DEL CAPITANO NERAZZURRO – La Dea di Gian Piero Gasperini  ha conquistato un grandissimo successo contro il Genoa di Andreazzoli. Una partita nella quale i nerazzurri hanno vinto al 95′ grazie alla rete di Duvan Zapata (oltre al rigore siglato da Luis Muriel). Ma oltre ai due colombiani, c’è una pedina nerazzurra che si è messa ben in evidenza dietro le punte: stiamo parlando del capitano dell’Atalanta Gomez. Il Papu è parte integrante di questa Dea formato Champions League, ma queste tre partite hanno sottolineato quella che è una vera e propria evoluzione del numero 10 orobico: ambito nella quale si è consolidato su molti punti, ma allo stesso tempo tralasciando quello che era fino a qualche anno fa.

PAPU RIVITALIZZATO TREQUARTISTA, L’ALA PERFETTA E’ UN (MEZZO) LONTANO RICORDO – L’attaccante dell’Atalanta Gomez, nelle prime tre partite di campionato (contro Torino, Spal e Genoa), ha consolidato al meglio il suo attuale potenziale da trequartista: apertura degli spazi, qualità, corsa, dribbling e tanta grinta per aiutare i propri compagni di squadra. Questa sua permanenza dietro le punte ha portato il Papu ad una evoluzione completa, arrivando addirittura ad una sorta di “calo” quando veniva impiegato come ala/seconda punta. Certo, lui in quelle posizioni è ancora capace di mostrare del potenziale, ma in un ruolo più avanzato tende a togliere qualcosa: sia sugli esterni (dove Gosens, con l’argentino più centrale, ha campo libero per fare cross e galoppate) che per quanto concerne la costruzione interna sulla trequarti. Per esempio contro il Torino abbiamo visto un Gomez impiegato più nella sua posizione “originale” e non è riuscito a dare il 100%, suscitando questo pensiero a molti: l’idea è chiara, Alejandro 10 volte meglio dove è stato messo un anno fa da quel Chievo-Atalanta. Ovviamente non si mettono in dubbio le sue caratteristiche che hanno contraddistinto il suo percorso all’Atalanta, ma questo è un dato chiaro ed evidente, ma certamente positivo.

  •   
  •  
  •  
  •