Atalanta, ora è terzo posto ma testa al Sassuolo

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

L’Atalanta ieri non ha vinto, ma ha insegnato il gioco del pallone alla Roma: una frase forte ma che rispecchia quella che è stata la partita contro i giallorossi capitolini. Un match nella quale la Dea ha dimostrato di essere ormai una ex provinciale diventata grande e bellissima al sol vederla giocare. A siglare il successo orobico ci pensano Duvan Zapata (subentrato nel secondo tempo) e Marten de Roon che sfrutta un perfetto assist di testa di Pasalic. Con questa vittoria i nerazzurri salgono meritatamente al terzo posto: posizione nella quale la scorsa stagione ha blindato il campionato 2018-2019, e per molti il bello deve ancora venire.

DOMINARE A ROMA DA GRANDE SQUADRA: ORA E’ TERZO POSTO – Contro la Roma, l’Atalanta è stata protagonista dal primo fino all’ultimo minuto sotto tutti i punti di vista: gioco, pressing, mentalità offensiva ed equilibrio in tutti i reparti. A livello individuale da mettere in evidenza Ruslan Malinovskyi (ancora una partita straordiria), Gollini (autore di due parate decisive che gli valgono un 8 in pagella), Rafael Toloi (buona prestazione dopo una falsa partenza), Freuler (assist man insieme a Pasalic) e Papu Gomez (a tutto campo sulla trequarti). Duvan Zapata e Marten de Roon hanno finalizzato il match e grazie a questo risultato è ora terzo posto in classifica: in piena zona Champions League.

CONTRO IL SASSUOLO PIEDI PER TERRA: SERVE CONTINUITA’ – La prossima partita è contro il Sassuolo al Mapei Stadium e in termini generali è più difficile riconfermarsi. L’Atalanta non sarà da meno contro i neroverdi, anche in vista del match contro lo Shaktar in UEFA Champions League.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: