Inter, Antonio Conte in conferenza: “I cavalli buoni si vedono all’arrivo”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui

Head coach Antonio Conte of Inter Milan shouts instructions to his players as they compete against Paris Saint-Germain F.C. during their International Super Cup football match in Macau, China, 27 July 2019. Portuguese midfielder Joao Mario scored the final spot-kick as Inter Milan beat Neymar-less Paris Saint-Germain on penalties in Macau on Saturday (27 July 2019). (Photo by Stringer – Imaginechina/Sipa USA)

Con le cinque vittorie su cinque in campionato sta circolando sempre più fiducia ed entusiasmo attorno al mondo Inter e, gran parte della stampa e dei tifosi, stanno iniziando a ribadire e a credere che sono i nerazzurri i veri antagonisti della Juventus nella lotta scudetto.
Come già detto in alcuni articoli precedenti, il tecnico dell’Inter, Antonio Conte, ha più volte cercato di smorzare gli entusiasmi in modo di tenere alta sempre la tensione e di non sottovalutare alcun avversario poiché le insidie sono sempre dietro l’angolo.
Un esempio lampante di occasione in cui i nerazzurri sono scesi in campo con poca “garra” e spirito combattivo è stato il pareggio casalingo ottenuto con sofferenza contro una squadra, almeno sulla carta, di minore qualità come lo Slavia Praga.

L’allenatore nerazzurro, Antonio Conte, nella consueta conferenza stampa pre-partita, ha voluto ribadire il concetto del non sottovalutare mai ogni partita e che non bisogna mai dare per scontato alcun risultato: “Io ribadisco sempre ai giocatori che la nostra partita più importante è quella che dobbiamo giocare, non quelle che verranno dopo. Juventus e Barcellona saranno pensieri che avremo dopo. Poi è chiaro che in maniera intelligente devo mandare in campo la squadra migliore, anche più fresca”.

In merito alle ultime prestazioni positive dei nerazzurri, l’ex tecnico del Chelsea ha affermato:”Noi abbiamo la ferrea volontà di cercare la vittoria ad ogni partita che giochiamo. Veniamo da cinque vittorie consecutive e questo è importante, ma sappiamo anche che il campionato è appena cominciato”.

Per quanto riguarda le voci che vedono l’Inter come una seria candidata allo scudetto, Conte non ha dubbi ed ha affermato:”Non siamo tra i favoriti per la vittoria. Ci sono due squadre, Juventus e Napoli, che sono davanti a noi in maniera importante. Ma questo non deve cambiare il nostro approccio. E la qualità del campionato si è alzata. La Lazio per esempio è forte, ha una struttura solida, un ottimo allenatore, l’anno scorso ha vinto la Coppa Italia”.

Inoltre il tecnico ha analizzato i risultati ottenuti dalla squadra nelle stagioni precedenti, riscontrando dei problemi di continuità che possono essere ‘curati’ solo con il lavoro quotidiano e non abbassando la tensione: “Basta andare nello storico degli ultimi nove anni dell’Inter per vedere che ci sono alti e bassi evidenti. Io non sono il primo a vincere le prime cinque giornate di Serie A. Questo gruppo due anni fa era in testa a dicembre, non a settembre come ora. Poi sono arrivati quarti all’ultima giornata. Anche con Mancini era partita benissimo la squadra. Questo storico ci deve fare drizzare le antenne, i cavalli buoni si vedono all’arrivo”.

In merito alla domanda relativa all’impiego di Alexis Sanchez, Conte ha affermato:”Di Sanchez ho già parlato tanto, mi fate la stessa domanda ad ogni conferenza. Sta a noi fargli ritrovare la brillantezza che ha perso negli ultimi anni. Si tratta di un calciatore di spessore, che prima o poi vedrete in campo dall’inizio. Si è visto contro la Lazio, non è entrato un giocatore qualsiasi nel secondo tempo, si è visto dai primi tocchi”.

  •   
  •  
  •  
  •