Sarri prima scelta? Macchè! Spunta un retroscena sulla panchina della Juventus

Pubblicato il autore: GennaroIannelli Segui

Maurizio Sarri non sarebbe stata la prima scelta della dirigenza juventina. A rivelarlo, Paolo Paganini, giornalista Rai Sport, che ha provato a ricostruire una delle vicende più appassionanti dell’ estate juventina: quella legata al “toto-allenatore”.

Secondo Paganini, i nomi in cima alla lista dei desideri dirigenziali erano sostanzialmente due: Antonio Conte e Pep Guardiola. Il tecnico del Manchester City sarebbe stato il preferito di Andrea Agnelli per succedere a Max Allegri alla guida della squadra. Il presidente bianconero avrebbe atteso sino all’ ultimo istante l’ evolversi della situazione legata ai problemi con il fair-play finanziario, nell’ auspicio che Pep potesse automaticamente liberarsi dagli inglesi. Così non è andata, e allora anche il “piano B”, quell’ Antonio Conte tanto desiderato dalla coppia Nedved-Paratici, stanco di aspettare un’ offerta da Torino, avrebbe accettato la corte dell’ Inter, storica rivale juventina.

Leggi anche:  Inter, ultime infortunio Correa e Vidal: cosa trapela in vista della Fiorentina

Una notizia che rischia di alimentare ulteriormente le voci relative ad eventuali dissidi tra l’ ex tecnico di Napoli e Chelsea e la dfirigenza sabauda. Maurizio Sarri, in attesa di rientrare in panchina dopo la brutta polmonite che lo ha afflitto, sembra già essere riuscito nell’ intento di plasmare la squadra a sua immagine e somiglianza. Eppure, nonostante questa Juventus sembri già una sua “creatura” il tecnico napoletano potrebbe già vedersela “strappare” dalle braccia.

  •   
  •  
  •  
  •