Sarri prima scelta? Macchè! Spunta un retroscena sulla panchina della Juventus

Pubblicato il autore: GennaroIannelli Segui

Maurizio Sarri non sarebbe stata la prima scelta della dirigenza juventina. A rivelarlo, Paolo Paganini, giornalista Rai Sport, che ha provato a ricostruire una delle vicende più appassionanti dell’ estate juventina: quella legata al “toto-allenatore”.

Secondo Paganini, i nomi in cima alla lista dei desideri dirigenziali erano sostanzialmente due: Antonio Conte e Pep Guardiola. Il tecnico del Manchester City sarebbe stato il preferito di Andrea Agnelli per succedere a Max Allegri alla guida della squadra. Il presidente bianconero avrebbe atteso sino all’ ultimo istante l’ evolversi della situazione legata ai problemi con il fair-play finanziario, nell’ auspicio che Pep potesse automaticamente liberarsi dagli inglesi. Così non è andata, e allora anche il “piano B”, quell’ Antonio Conte tanto desiderato dalla coppia Nedved-Paratici, stanco di aspettare un’ offerta da Torino, avrebbe accettato la corte dell’ Inter, storica rivale juventina.

Una notizia che rischia di alimentare ulteriormente le voci relative ad eventuali dissidi tra l’ ex tecnico di Napoli e Chelsea e la dfirigenza sabauda. Maurizio Sarri, in attesa di rientrare in panchina dopo la brutta polmonite che lo ha afflitto, sembra già essere riuscito nell’ intento di plasmare la squadra a sua immagine e somiglianza. Eppure, nonostante questa Juventus sembri già una sua “creatura” il tecnico napoletano potrebbe già vedersela “strappare” dalle braccia.

  •   
  •  
  •  
  •