Atalanta, contro la Juventus hai dimostrato di meritare di più

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

Altro giro, altro errore arbitrale ai danni di un’Atalanta che contro la Juventus ha dato tutto quello che doveva dare: dominando in aspetti importanti come il gioco, l’aggressività, fame ed intensità. Solo una prestazione pessima da parte di Rocchi e di tutta la terna arbitrale poteva influenzare in negativo questa Dea che, in piena emergenza, ha dimostrato che è una squadra temibile. Certo, questi episodi che stanno avvenendo in maniera consecutiva sono costati punti importantissimi per la classifica, ma i nerazzurri si sono dimostrati superiori a tutte queste postille: un dato di fatto chiaro ed evidente, nella quale verrà ripagato certamente in futuro.

È IL GRUPPO CHE CONTA, NON GLI ELEMENTI – Quella contro la Juventus era definita quasi da tutti come una disfatta orobica visto che mancavano pedine importanti come Zapata, Malinovskyi e Ilicic, ma non è stato così. L’Atalanta ha combattuto con tutte le sue forze su ogni pallone dimostrando di meritare la vittoria: ciò rispecchia la grandezza degli uomini di Gasperini che non hanno paura di niente e di nessuno, neanche se sei la campione d’Italia. Il gruppo ha fatto tutto quello che poteva fare, agendo al di sopra di ogni cosa. Certo, con qualche giocatore di spessore (per esempio Duvan) si poteva fare di più, anche se con il senno di poi è tutto più facile.

ERRORI ARBITRALI, MA TUTTO TORNERÀ INDIETRO ATTRAVERSO I FATTI – L’Atalanta contro la Juventus ha subito dei torti arbitrali che valgono una insufficienza a tutta la terna: rigore non dato nella ripresa per un tocco di mano di Can, l’espulsione di Higuain e il tocco (sempre di mano) di Cuadrado nell’azione della seconda rete juventina. L’amarezza è tanta (giocatori in primis), ma l’Atalanta ha dimostrato di essere superiore a tutto ciò, meritando di più rispetto a quello che ha raccolto ultimamente: lo dicono i fatti, e se molti dicono che “il mondo è tondo perché tutto torni“, allora la Dea si risolleverà senza problema.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: