Sampdoria-Atalanta, la giornata dei tifosi nerazzurri

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

 

L’Atalanta di Gian Piero Gasperini esce dallo stadio Luigi Ferraris con uno 0-0 contro la Sampdoria: una partita tatticamente giocata sul piano fisico, ma influenzata da alcune decisioni arbitrali abbastanza discutibili (l’espulsione di Malinovskyi e il mancato rosso al difensore blucerchiato Ferrari). Con questo risultato la Dea si consolida al quinto posto in classifica: un bilancio abbastanza positivo. Contesto sottolineato anche dalla passione di oltre 1200 atalantini che erano presenti in quel di Genova: tanto cuore per una squadra che in questa stagione sta dando tutto.

TANTO MOVIMENTO QUANDO SI VA AL FERRARIS – La trasferta al Ferraris è considerata come una tappa dove non puoi mancare: vuoi per la distanza o per il numero dei tifosi ma dati e fatti sottolineano ciò. Che sia pullman o macchina non importa, la passione è calda: tempo per un pranzo coi fiocchi (un bel banchetto preparato dai sostenitori nerazzurri dove c’è tutto e di più) ed eccoci dentro allo stadio Luigi Ferraris: sfida tosta quella contro la Sampdoria, anche se questa Atalanta non ha paura di niente e di nessuno.

TIFO, MONOTONIA E LE POLEMICHE – Dal punto di vista del gioco, non è stata una grandissima partita, ma il popolo atalantino continua ad incitare i ragazzi per trovare la vittoria. Tra primo e secondo tempi regna la monotonia, fino a quando Ferrari non trattiene Musa Barrow. Tutti ad urlare: “È rosso!”, ma Irrati stranamente non vede. La goccia che fa traboccare il vaso è l’espulsione di Malinovskyi: fallo evidente, ma non equilibrato in base ai parametri nei confronti dei blucerchiati (per non parlare che nei primi 45 minuti Audero prende le mani fuori dall’area e non è stato mandato fuori). “Il copione si ripete…“: è questa la frase che viene citata sia allo stadio che sui social per quello che è accaduto, contando che l’Atalanta, in dieci contro undici, si fa sempre vedere in fase offensiva. Al fischio finale la rabbia è tanta, ma c’è soddisfazione per il punto conquistato: bello l’applauso ai ragazzi di Gasperini. Ora arriva la sosta: tempo per ricaricare le batterie e poi si riparte: la prossima giornata arriva la Juventus.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: