Bologna, se ne va un altro pezzo di scudetto: Franco Janich

Pubblicato il autore: Walther Bertarini Segui


Un altro pezzo dello scudetto del Bologna 1963/64 se ne va: si tratta di Franco Janich. Si è spento stamattina all’età di 82 anni, colonna portante dei felsinei dal 1961 al 1972: in maglia rossoblù giocò 376 partite (294 in serie A, più lo spareggio all’Olimpico contro l’Inter, 40 in Coppa Italia, 41 in Europa), vincendo appunto lo scudetto 1963/64, una Coppa Italia nel 1969/70 e una Mitropa Cup. (1961).

Janich nacque a Udine il 27 marzo 1937, iniziò come stopper nello Spilimbergo in IV serie prima di esordire in serie A con l’Atalanta: successivamente si trasferì alla Lazio di Fulvio Bernardini ( allenatore dello scudetto del Bologna) sollevando una Coppa Italia nel 1958. E fu proprio Bernardini a volerlo al Bologna quando fu ingaggiato dal presidente Renato Dall’Ara ( morì pochi giorni prima dello spareggio contro l’Inter);dotato di un fisico possente e poderoso, divenne un abile difensore, formando con Tumburus una coppia di centrali davvero imperforabile, tanto che i tifosi lo chiamavano l’Armerì, che in dialetto bolognese significa l’armadio. Fu apprezzato non solo per le qualità sul campo, ma anche per le sue doti umane rendendosi simpatico a tutto l’ambiente felsineo. Dopo la fine della sua carriera calcistica, Janich si trasferì a Nemi nella campagna laziale, ma tornava a Bologna molto spesso e volentieri per salutare i suoi amici e una città rimastagli nel cuore; e proprio la città oggi lo piange per aver preso uno dei figli più cari. La società in una nota rende omaggio al campione dello scudetto del 1964 porgendo le condoglianze alla sua famiglia.

  •   
  •  
  •  
  •