Napoli, le parole di Gattuso in conferenza:”Dobbiamo lavorare sulla testa”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui

April 24, 2019 – Milano, Italia – ESCLUSIVA MILAN .Foto Spada/LaPresse.24 Aprile 2019 Milano ( Italia ).sport calcio.Milan vs Lazio – Coppa Italia 2018/2019 – Semifinale – Stadio San Siro .Nella foto: Gennaro Gattuso ..EXCLUSIVE MILAN .Photo Spada/LaPresse.April 24 , 2019 Milan ( Italy ).sport soccer.Milan vs Lazio – Italian Cup 2018/2019 – Semifinals – San Siro Stadium.In the pic: Gennaro Gattuso (Credit Image: © Spada/Lapresse via ZUMA Press)

Il Napoli, con la sconfitta casalinga nell’ultimo turno subita per 1-2 contro il Parma, allunga il periodo senza vittorie in Serie A che ormai perdura da un mese e mezzo (l’ultima volta in cui i partenopei hanno ottenuto i tre punti è stato in Napoli-Verona del 18 Ottobre).

Dalla vittoria casalinga contro il Verona per i partenopei, su dieci partite giocate nella massima competizione italiana, ha avuto un ruolino di marcia disastroso con ben 3 sconfitte (di cui due casalinghe) e 7 pareggi.
Questa serie di risultati negativi non solo ha portato all’esonero di Ancelotti e al cambio di guida tecnica con l’arrivo di Gennaro Gattuso ma ha anche allontanato il Napoli dalle zone nobili della Classifica, in una stagione che sembra ormai prendere la fisionomia dell’anonimato.

Il neo tecnico degli ‘azzurri’, nella consueta conferenza stampa di presentazione, ha dichiarato che l’obbiettivo principale, nonostante i molti punti da recuperare, fosse quello del raggiungimento di un piazzamento nella prossima Champions League. Certo è che sicuramente l’ex allenatore del Milan, si aspettava un inizio diverso della sua nuova avventura con un match sulla carta abbordabile per il Napoli ma che si è trasformato in un incubo nei minuti finali con il contropiede decisivo finalizzato da Gervinho.

Il nuovo allenatore del Napoli, nella conferenza post partita, ha dichiarato: “Per noi era importante vincere. In questi giorni abbiamo lavorato sul 4-3-3, poi abbiamo provato a giocare 4-4-2, 4-2-4 per ribaltarla. Non credo sia giusto parlare di fortuna, credo che lo specchio del momento siano i primi 10 minuti. È una squadra che sta soffrendo sul piano mentale, è una squadra che non è abituata a non vincere per così tanto tempo. Questi calciatori sono abituati a vivere campionati di alto livello e questo lo stanno pagando. La testa va pari passo della condizione fisica”.

In merito all’apporto che Mertens è riuscito a dare alla squadra in un momento complicato e partendo dalla panchina, il tecnico calabrese ha affermato:”Ha dato una scossa ma in questo momento la squadra ha bisogno di trovare equilibrio. Da parte mia c’è la consapevolezza di avere a disposizione grandissimi giocatori, ma devo decidere, fare delle scelte, se farli giocare tutti insieme o avere maggiore equilibrio e rischiare meno possibile”.

Per ciò che concerne i fischi e l’assenza di feeling tra squadra e tifosi, Gennaro Gattuso ha affermato: “Questa squadra non sta facendo risultato, ci stanno i fischi, ma non bisogna prendersela con i singoli. Il responsabile sono io, ma qualche fischio ci sta per i risultati. Dobbiamo portarli noi dalla nostra parte con i risultati”.

L’allenatore ha inoltre parlato dell’esigenza di lavorare sulla testa dei calciatori per poterli far esprimere meglio in partita: “Bisogna lavorare molto su tanti aspetti, bisognava costruire meglio da dietro, ma poi ti viene il braccino e ti viene peggio in partita, ma dobbiamo lavorare sulla testa, la convinzione. La squadra deve liberarsi e giocare il calcio che ha fatto per tanto tempo”.

Insomma si prospetta un periodo ancora molto complicato per i partenopei che cercheranno, nella prossima giornata di campionato, di chiudere l’anno al meglio con tre punti che, vista la situazione in campionato, sono fondamentali per far acquisire maggiore fiducia e consapevolezza in un gruppo che sembra aver perduto parte delle proprio certezze.

  •   
  •  
  •  
  •