CALCIOMERCATO: il Genoa si aggiudica Perin

Pubblicato il autore: Maso Lorenzo Segui

Mattia Perin – Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Il portiere ex Juve ha firmato fino a fine stagione. “Sono tornato per riconoscenza” ha poi dichiarato.

Il portiere classe 1992 torna al Genoa dopo 9 presenze in 1 stagione e mezza. Il trasferimento libererebbe Ionut Radu, reduce da ottime prestazioni fin’ora che tornerebbe all’Inter già a gennaio.

Nato a Latina nel 1992, ha origini venete da entrambi i genitori. Cresce  come portiere fin da subito nella sua città e successivamente si trasferisce a Genova. A 17 anni conquista il campionato e la supercoppa primavera. Nelle successive finestre di calciomercato si accasa al Padova in Serie B e al Pescara in Serie A. Torna al Genoa nel 2013 ed ha la fiducia dell’allenatore. Difenderà la porta del Grifone per 5 stagioni, diventando capitano nel 2017.

Leggi anche:  Luigi Mastrangelo a SuperNews: "Fefé De Giorgi grande tecnico, non mi è piaciuto il trattamento riservatogli in campionato. Per questa Nazionale un futuro pazzesco. Juventus? Con Allegri l'inizio stagione è sempre un po' "diesel"..."

Nell’estate di calciomercato del 2018 la Juventus lo recluta come secondo portiere al posto del partente Buffon al Psg. Viene pagato 12 milioni di euro più bonus. Nel corso della stagione colleziona poche presenze e già nell’estate successiva, causa ritorno di Buffon che lo relega a terza scelta, viene accostato ad alcuni club portoghesi. I dirigenti bianconeri intavolano una trattativa che preannuncia l’arrivo del portiere al Benfica, ma durante le visite mediche i sanitari responsabili individuano un inevitabile percorso riabilitativo di 4 mesi alla spalla destra, per la quale si era già operato due volte. Ciò lo porta a sottoporsi alle cure al J Medical fino a dicembre.

All’inizio della sessione di calciomercato il Genoa bussa alla porta bianconera è si aggiudica Mattia Perin in prestito fino a giugno 2020.

Leggi anche:  Probabili formazioni Inter Bologna: esordio dal 1' per Dumfries?

Si distingue per reattività e senso del piazzamento, che coniugati a 188 cm di altezza fanno di lui un portiere che potrebbe ricordare Walter Zenga, come disse qualche anno fa Roberto Mancini in un’ intervista. Ha anche un notevole senso di responsabilità, grinta agonistica e leadership nello spogliatoio, attributi che non possono che fare di lui un portiere maturo e con uno sguardo attento alle promesse del club.

Con un post sul suo profilo Instagram ha ringraziato il club bianconero  per ciò che gli ha lasciato dentro e per il “periodo da apprendistato”, mentre nel successivo ha elencato i motivi che lo hanno spinto a scegliere di tornare tra le file del Genoa in un periodo difficile per i rossoblu, in quanto occupano l’ultimo posto in classifica.

  •   
  •  
  •  
  •