Cori offensivi milanisti su Genova e sulla tragedia del ponte Morandi

Pubblicato il autore: Walther Bertarini Segui

In una partita si sa lo sfottò tra le due tifoserie è lecito e fa parte del gioco; ma a tutto c’è un limite perchè bisogna avere rispetto tra tifosi; non è stato così in Milan-Sampdoria dove una parte di tifosi milanisti avrebbe superato il limite incrementando il loro coro “si sente puzza di pesce avete il mare inquinato” aggiungendo “avete il ponte crollato“. In questo caso non si parla di un coro di “discriminazione territoriale” come le solite note offensive nei confronti dei napoletani e del Vesuvio, il mare inquinato, ma stavolta si è fatto riferimento al crollo del ponte Morandi una tragedia che ha provocato 43 vittime.

Tenendo presente che il calcio è uno sport e ci possono anche stare anche cori un po’coloriti ma scherzare su una tragedia simile è a dir poco deprecabile e umiliante perchè, non solo per Genova è una ferita ancora aperta a cui fa fronte con disagio, ma anche per gli sfollati e tutti i liguri che hanno perso la casa e i propri affetti grazie a questo evento. E non è finita qui; tanto per gettare benzina sul fuoco un amministratore milanista di una pagina di Facebook ha pensato bene di rincarare la dose con un pensiero rivolto ai tifosi doriani e al ponte Morandi: “Non costringetemi ad arrivare a Genova e sputare per terra che poi cadono i ponti e si allaga quella regione di m. per una settimana”. Il blog dei tifosi blucerchiati ha salvato il commento segnalandolo a Facebook per la censura dello stesso; nel frattempo altri tifosi milanisti invece che prendere le distanze hanno continuato le offese.

Leggi anche:  Telecronisti Serie A, 37.a giornata: il palinsesto di Sky e DAZN

Dopo qualche ora il commento è sparito dai social ora non si sa se è stato lo stesso Facebook o lo stesso amministratore che lo ha generato, ma i tifosi doriani, indignati da ciò che è stato pubblicato, hanno chiesto una presa di posizione da parte del Milan con riferimento ai cori di San Siro. Adesso si attenderà il referto disciplinare degli ispettori, ma se qualche settimana fa a un tifoso blucerchiato è stato dato il daspo per aver mimato la strage di Superga nella partita contro il Torino, ora si spera che questo comportamento vergognoso non passi inosservato perchè non sarebbe accettabile denigrare una tragedia che ha portato numerose vittime e una ferita nel cuore dei genovesi e liguri che mai si rimarginerà.

  •   
  •  
  •  
  •