Atalanta, Robin Gosens: “Non ha senso giocare senza pubblico”

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

Continua senza problemi la routine per via del Coronavirus: tra quarantena, precauzioni e continui aggiornamenti sulla situazione. Anche nel mondo del calcio la situazione è praticamente questa, ma gli ultimi contagi in Serie A hanno alzato un po’ le preoccupazioni. Tra i tanti calciatori che hanno voluto dire la propria opinione, c’è anche l’esterno dell’Atalanta Gosens: autore di una grandissima stagione sulla fascia sinistra tra assist, corsa e goal sempre decisivi. Il numero 8 della Dea è stato intervistato dalla Bild, nella quale ha rilasciato qualche dichiarazione riguardante la stessa emergenza per il Coronavirus: collegando il tutto con ciò che è stata Valencia-Atalanta senza spettatori al Mestalla.

LE PAROLE DELL’ESTERNO ROBIN GOSENS SUL CORONAVIRUS

GOSENS: “NON HA SENSO GIOCARE A PORTE CHIUSE” – “Negli ultimi giorni ci siamo allenati a Zingonia come le altre volte, poi è partita la musica della Champions e non c’era nessuno: neanche uno spettatore sugli spalti. C’è un po ‘di tensione e si entra automaticamente in una modalità in cui non si è più completamente concentrati. Giocare in uno stadio senza tifosi non ha nulla a che fare con le emozioni che questo sport può regalare. Non ha molto senso giocare a porte chiuse, quando poi vedi i tifosi fuori dallo stadio tutti ammassati. E’ pericoloso”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: