Avellino, Calcioscommesse 1980: dalla penalizzazione alla rinascita

Pubblicato il autore: Paolo Russo Segui


23 Marzo 1980
, l’Avellino, nella sua seconda stagione consecutiva in Serie A, ottiene solo un pareggio dalla sfida interna col Cagliari. Risultato finale di 2-2 grazie all’autorete del cagliaritano Brugnera e alla rete dell’attaccante Stefano Pellegrini. Ma intanto a Roma scoppia il putiferio.

L’Avellino e il calcioscommesse del 1980

L’idea di truccare le partite a fini di guadagno personale fu ideata da un commerciante di ortofrutta a Roma, grazie alla collaborazione di un ristorante di cui i calciatori di Roma e Lazio erano assidui frequentatori.

La combine venne allo scoperto proprio in seguito ad una partita tra Lazio ed Avellino, disputata il 13 gennaio 1980, la quale non finì con il risultato previsto. La partita terminò 1-1 ed i due ideatori della truffa, anche per via di altre partite, persero centinaia di milioni. Per questo motivo si rivolsero alla Procura della Repubblica di Roma facendo nomi di calciatori e società coinvolti, sostenendo di essere stati truffati, cercando così di evadere dalle proprie responsabilità.

Tra i nomi più famosi coinvolti nello scandalo ci fu anche quello di Paolo Rossi che all’epoca vestiva la casacca del Perugia. Fu accusato di aver concordato il pareggio per 2-2 con l’Avellino nella partita del 30 dicembre 1979.

Tra i personaggi coinvolti figurarono 11 giocatori, di cui 9 della Serie A e 2 della Serie B. Anche Felice Colombo, allora Presidente del Milan, fu pesantemente coinvolto. Nelle file dell’Avellino, quel 23 marzo, fu proprio Stefano Pellegrini, marcatore di quella domenica, ad essere fermato dalla Guardia di Finanza. Risultò poi coinvolto anche il centrocampista biancoverde Franco Cordova.

Le pene furono molto severe: l’Avellino dovette scontare 5 punti di penalizzazione nella successiva stagione; Pellegrini fu squalificato per 6 anni e Cordova per un anno e due mesi. Ma, nonostante la penalizzazione, l’Avellino nella stagione 1980-1981 ottenne ancora una volta la salvezza con un meritato 10º posto, confermandosi in Serie A per il quarto anno consecutivo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: