Capello: “Fondamentale il preparatore atletico personale per i calciatori”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

I calciatori sono stati costretti allo stop forzato in casa per via del coronavirus e hanno detto addio agli allenamenti di gruppo con la propria squadra. Ciò potrà essere un problema qualora questo stop si prolunghi per molto tempo, parola di Fabio Capello. L’ex allenatore di Milan e Real Madrid è stato intervistato da AS e si è detto alquanto pessimista per quanto concerne lo sport, in questa era in cui il Covid-19 ci ha costretto a cambiare comportamento nelle nostre vite. Una rivoluzione che cambierà il modo di vivere, vista l’inaspettata ondata che ci ha travolto. Ecco le dichiarazioni del tecnico:

Sono a Lugano, che è Svizzera ma praticamente Italia. Anche qui la gente non esce di casa. Le giornate sono molto,
molto lunghe. Ma devo essere grato per il fatto che non ha colpito nessuno della mia famiglia. Sarà una situazione complicata in tutto il mondo. In Lombardia, a Bergamo e a Brescia, ha colpito fortissimo. Ed è un luogo ristretto dove ci sono 10 milioni di persone. È un problema”. 

Poi Don Fabio si è soffermato sulla situazione calciatori: “Impossibile gestire una sosta del genere. Devi sperare che i tuoi calciatori siano dei professionisti, che si prendano cura di se stessi e non ingrassino. Ma se continuano a mangiare come quando si allenano, lascia perdere. Per fortuna al giorno d’oggi non c’è una stella che non abbia un preparatore atletico personale”. 

 

  •   
  •  
  •  
  •