Vlahovic dispiaciuto per il gol segnato all’Inter? Le sue risposte in diretta Instagram

Pubblicato il autore: Giuseppe Colicchia Segui

Dusan Vlahovic, giovane attaccante serbo della Fiorentina, è stato il primo calciatore della Viola a risultare positivo al coronavirus (dopo di lui anche Pezzella, Cutrone e Dainelli, quest’ultimo facente parte dello staff tecnico). In questi suoi primi mesi in Serie A ha incantato tutta l’Italia con i suoi gol e le sue giocate, sorprendendo per la personalità mostrata in campo nonostante sia solo un classe 2000. Dusan, adesso in quarantena come tutta la Fiorentina, è stato contagiato dal virus Covid-19 ma non si è lasciato abbattere da questa situazione, reagendo bene e dimostrando a tutti di stare bene. In questi giorni ha interagito con i fan su Instagram spiegando in breve come si è accorto di aver contratto il coronavirus: “Mi sono svegliato sudato con la febbre a 37, ho preso una tachipirina e ho chiamato chi di dovere. Poi la sera la febbre è salita fino a 39 ed è così che l’ho scoperto. Comunque adesso sto bene”.
Oggi pomeriggio Dusan ha partecipato ad un’altra diretta Instagram, stavolta però come ospite de Gli Autogol, il trio di ragazzi che ha fatto successo sul web con imitazioni e video simpatici sul mondo del calcio, riuscendo a collaborare anche con diversi calciatori come Immobile, Quagliarella, Papu Gomez e molti altri. All’inizio della live Dusan tranquillizza tutti sulle sue condizioni di salute: “Sto bene, è tutto tranquillo ora, tutto bene“. Poi prosegue raccontando come sono stati questi giorni: “Sono stati giorni un po’ particolari, mi sono arrivati tanti messaggi e voglio ringraziare tutti per il grande affetto che mi stanno dando”.
Inizia l’intervista, la prima domanda è a tema fantacalcio: “Me lo hanno spiegato i miei compagni di squadra e anche tutti quelli che ci stanno giocando, ho capito che è un gioco molto importante e molto bello. Mi piace tanto, ci sto giocando e mi sta divertendo. In qualche momento è un po’ difficile ma è divertente.” Riguardo ai gol e agli assist realizzati da Vlahovic in stagione: “Potevo fare meglio ma diciamo che già questa cifra è buona.”
Vlahovic su Firenze: “Mi sto trovando benissimo perché Firenze è una città bellissima, anche la gente qui è molto affettuosa e sono molto legati ai giocatori, è veramente molto bello giocare qui“. L’attaccante serbo scherza sul fatto che non sappia cucinare e aggiunge “Quando sono arrivato in Italia ho preso qualche chilo in più, vuol dire che la cucina italiana è migliore di quella serba. Anche in Serbia si mangiano tante specialità italiane.”
Il centravanti della Fiorentina non ha mai nascosto la sua ammirazione per Ibrahimovic, il suo idolo fin da bambino. Riguardo all’attaccante attualmente in forza al Milan si esprime così: “Non trovo le parole per descrivere il mio incontro con lui, per me è stata una sensazione incredibile, tutto quello che sognavo e che immaginavo alla fine l’ho fatto, era un momento veramente speciale per me.” Prosegue rispondendo alle domande successive: “I giocatori a cui mi ispiro sono Van Basten, anche se l’ho visto solo tramite video, e Ronaldo. Il mio obiettivo è arrivare al loro livello.”
“Ascolto musica serba ma sto ascoltando in questi momenti più musica italiana, generi rap e trap, sto ascoltando la musica che piace ai giovani in Italia”. Riguardo al gol segnato al San Paolo contro il Napoli: “Uno stadio mitico con una tifoseria mitica e anche una squadra mitica, è stato molto bello anche perché abbiamo vinto”.
L’intervistatore di questa diretta Instagram è Alessandro Iraci, uno dei tre componenti de Gli Autogol, il quale scherza con Vlahovic sul gol realizzato contro la sua squadra del cuore, l’Inter. Il centravanti risponde così ad Alessandro: “mi dispiace“.
Il derby Partizan-Stella Rossa è più sentito e più tosto rispetto a giocare Fiorentina-Juventus. So quanto vale per Firenze una vittoria contro la Juve, spero che giocherò e che vincerò con la Fiorentina così magari darò una gioia a tutta questa gente. Però devo dire Partizan-Stella Rossa perché nel periodo in cui c’ero io si giocavano i derby per lo scudetto e c’era molta attenzione su quella partita”.
La mia esultanza viene da Memphis Depay, non voglio provocare nessuno, non è il mio stile. Cosa preferisco tra la Champions con la Fiorentina e il mondiale con la Serbia? Dico tutti e due perché è una domanda difficilissima, non posso decidere tra queste due.”
Il giocatore più forte con cui ho giocato è Ribery. I più forti contro cui ho giocato, Ibrahimovic e Cristiano Ronaldo. Il difensore più forte che ho affrontato? In Serie A tutti i difensori sono fortissimi e ogni partita è differente. Dico i difensori dell’Inter e della Juve, sono tra i difensori più forti del mondo. I compagni con cui mi trovo meglio sono Cutrone e Chiesa”.
La diretta termina con un piccolo quiz sulla storia della Fiorentina e Vlahovic supera a pieni voti il test, dimostrando di avere già acquisito una discreta cultura sulla storia della sua squadra.

  •   
  •  
  •  
  •