Acerbi, il guerriero vuole distruggere il coronavirus: “Prima la salute poi il campionato”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

Le battaglie che ha affrontato Francesco Acerbi sia in campo che nella vita, hanno plasmato il carattere da guerriero del difensore della Lazio. Il colosso agli ordini di Inzaghi, ha vinto la battaglia contro un tumore diversi anni fa e l’esperienza ha rinforzato ulteriormente il giocatore che è anche diventato un punto di riferimento per la Nazionale di Mancini.

Divenuto uno dei migliori difensori in Italia e in Europa, Acerbi ha affrontato il tema coronavirus durante un’intervista a La Repubblica, predicando calma nei confronti di questo maledetto virus, soprattutto per quanto concerne la riprese dell’attività sportiva:

“Non dobbiamo avere fretta. Vincere il campionato con la Lazio sarebbe fantastico, ma conta di più la salute e io ne so qualcosa, credetemi: la priorità è uscire da questo periodo terribile”. 

La ripresa del campionato, ma con le adeguate precauzioni: “Riprendere il campionato sarebbe una grande spinta per la gente. Si può giocare anche ad agosto, ma con le porte chiuse. Le urla del Mister, il suono del pallone, il profumo dell’erba. Voglio tornare a rivivere queste cose che adesso mi mancano molto”. 

La saggezza di Acerbi è necessaria in questo momento dove le persone sono portate a scelte precipitose pur di evadere dalla quarantena o isolamento, ma il messaggio del calciatore è chiaro: prima la salute poi il piacere.

 

  •   
  •  
  •  
  •