Bergomi critica Dybala: “Non è un campione e neanche un fuoriclasse”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

Paulo Dybala è un calciatore dalla classe infinita, capace di cambiare le partite con giocate imprevedibili e che lasciano senza fiato. Come nell’ultima sfida allo Stadium contro l’Inter di Antonio Conte: dribbling bruciante prima di fulminare Handanovic con un delizioso esterno sinistro per il 2-0 definitivo. L’argentino che Conte voleva naturalizzare italiano per portarselo con la sua Italia all’Europeo 2016, è un giocatore spesso determinante per la Juventus ma secondo l’ex difensore dell’Inter, Giuseppe Bergomi, il numero 10 bianconero non è poi così decisivo.

Intervistato da Sky Calcio Club, Bergomi ha parlato dell’attaccante bianconero, non spendendo parole proprio al miele:

“È un grande giocatore, non è un grande campione ne un fuoriclasse. Ci sta che possa stare fuori in questa Juventus dove c’è Cristiano Ronaldo che condiziona tutti gli altri. Il campione e fuoriclasse è indiscusso nella Juve e nella nazionale. Dybala non lo è in nessuno dei due”. 

I gol da fuoriclasse di Dybala che Bergomi ignora

Secondo Bergomi, a Dybala manca qualcosa per essere un vero campione internazionale, nonostante in questa stagione abbia deciso match di spessore come quello con l’Inter, ma anche la partita con il Milan. In quel caso, Sarri ebbe il coraggio di sostituire uno spento Cristiano Ronaldo, puntando sulla Joya. La scelta fu ripagata con un gran gol. Altro match determinato da Dybala, fu quello di Champions contro l’Atletico, dove grazie a un calcio di punizione sorprese Oblak con un gol d’autore.

  •   
  •  
  •  
  •