Capello e gli arbitri di porta: “Consigliai alla FIFA di inserirli”, ma Blatter ci aveva già pensato dopo la mano di Henry

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

Tutti si ricordano del famoso ottavo di finale dei Mondiali 2010 in Sud Africa tra Germania e Inghilterra. Il match fu vinto dai tedeschi di Low per 4-1, ma l’episodio che ha contraddistinto da sempre questa partita, fu il clamoroso goal annullato a Lampard dopo che il pallone attraversò nettamente la linea di porta. L’arbitro e il guardalinee non videro e la rete fu clamorosamente annullata.

Il CT degli inglesi in quel Mondiale, era Fabio Capello che durante un’intervista al “Guardian”, ha rivelato di aver suggerito alla FIFA di inserire gli arbitri di porta dopo quell’episodio:

La cosa più incredibile che mi sia mai capitata. Tutti hanno visto. È fisica: quando la palla tocca la traversa e poi schizza in quel modo dopo aver toccato il terreno, è goal. Terminato il Mondiale, ci fu una riunione a Salt Lake City nel febbraio successivo: dicevano la preparazione fosse perfetta, e quello, e questo…Ho detto al capo degli arbitri: “perché non mettere un quinto ufficiale dietro la porta?” mi han detto di aver deciso in un’altro modo”. 

FIFA già attiva per gli arbitri di porta dopo play-off Francia-Irlanda

In realtà, l’idea di inserire l’arbitro di porta balenava nella testa di Blatter – presidente della FIFA all’epoca – dopo il play-off proprio di quel Mondiale 2010 tra Francia e Irlanda. In quel caso, Thierry Henry toccò di mano il pallone per ben due volte prima di cedere la sfera a Gallas, che indisturbato mise in goal la rete dell’1-1. Grazie a quella realizzazione, i transalpini si aggiudicarono il pass per Sud Africa 2010, forti del successo a Croke Park firmato Anelka. All’epoca, l’Irlanda era allenata da Giovanni Trapattoni, visibilmente infuriato a fine gara con la terna arbitrale, colpevole della clamorosa svista.

  •   
  •  
  •  
  •