Chirico ai tifosi napoletani: “Odiate la Juventus senza motivo. Da Alemao a Callejon, quante ne avete fatte…”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

 

La lettera di Chirico ai tifosi napoletani. Tra i partenopei e gli juventini non scorre buon sangue da decenni, la contesa dello scudetto 2017/18 non ha fatto altro che aumentare la rivalità. Il giornalista Marcello Chirico si è rivolto così ai tifosi del Napoli in una lettera aperta sul sito ilbianconero.com: “Me lo sono sempre domandato, e finora non ero mai riuscito a trovare una risposta convincente. Non sono stato in grado di trovare un motivo valido, un solo episodio, un qualcosa che potesse giustificare l’odio esacerbato provato dai tifosi napoletani nei confronti della Juventus. Da quel primo confronto datato 1926 (3-2 per la Juve, ndr) ad oggi ho fatto davvero fatica a scovare casi simili ai gol di Turone, quello di Muntari o un rigore non dato al Napoli e che avrebbe potuto essere decisivo in un duello scudetto tra lui e Madama. Nulla di nulla.

TURIN, ITALY – March 04, 2020: General view of closed Allianz Stadium (also known as Juventus Stadium). The Italian Cup semifinal second leg foot ball match between Juventus and AC Milan scheduled for Wednesday, March 4 has been postponed indefinitely as part of measures to stop the spread of the coronavirus COVID-19 virus outbreak in Italy. Media say that Italian government will implement measures to cancel all sporting events for 30 days, although football matches may yet be allowed to take place behind closed doors. (Photo by Nicolò Campo/Sipa USA)

 

Chirico e gli episodi a favore del Napoli. Il giornalista continua nella sua lettera: “Cosa intendono a Napoli per “strano”? Qualcosa di simile, per esempio, a quanto accadde nella stagione 1989/90, conclusasi poi con la vittoria del loro secondo scudetto? Tipo la monetina che colpì Alemao quel pomeriggio dell’8 aprile 1990, a Bergamo, durante un Atalanta-Napoli? Col massaggiatore Carmando che diceva al brasiliano “stai giù, stai giù”? Una pantomima continuata poi all’ospedale con il presidente Ferlaino che andò a sincerarsi delle condizioni del giocatore e uscì dichiarando alle tv “non mi ha riconosciuto?” A proposito poi di “scippi”, a memoria ricordo una semifinale di ritorno di Coppa Uefa dell’89, giocata al San Paolo, con una rete regolarissima annullata a Laudrup sul risultato ancora di 0-0, dopo il 2-0 dell’andata a favore della squadra bianconera. Proseguiamo. Il panterone Zalayeta ammise, nel 2007, di essersi tuffato per ottenere un rigore proprio contro la sua ex squadra, la Juventus, in una sfida terminata 3-1 per il Napoli grazie proprio alle topiche prese dall’arbitro Bergonzi, che assegnò ai partenopei due penalty farlocchi. Nel 2014 quando, grazie ad una segnatura in nettissimo fuorigioco di Callejon, il Napoli andò in vantaggio sempre sulla Juventus, per poi raddoppiare nel finale di gara con Mertens”. 

Napoli supporters cheer on
Firenze 24-8-2019 Stadio Artemio Franchi Football Serie A 2019/2020 ACF Fiorentina – SSC Napoli Photo Cesare Purini / Insidefoto/Sipa USA

Chirico conclude così il suo articolo “Spesso sento dire, “se non fosse stata convalidata quella prima marcatura, forse la partita sarebbe andata in un altro modo”. Questa lettura vale solo quando vince la Juve, o anche per gli altri? Infine, l’arroganza. Faccio davvero fatica a capire come la si possa esprimere dopo una vittoria, dicendo o facendo cosa? Boh. Ad ogni modo, meglio la supposta arroganza piuttosto che il cattivo gusto, la deriva becera di un’antipatia espressa coi manichini con la maglia bianconera impiccati ai balconi, oppure i bar chiamati “Juve Me..a” e le casse da morto trainate dai tricicli dei bambini. Il folklore e lo sfottò sono un’altra cosa. Perché sempre di calcio stiamo parlando”.
(
fonte https://www.ilbianconero.com/a/chirico-smonta-i-tifosi-napoletani-il-vostro-e-odio-non-folklore-26265chirico-smonta-i-tifosi-napoletani-il-vostro-e-odio-non-folklore-26265)

 

 

  •   
  •  
  •  
  •