Lecce, Marco Mancosu:«A Lecce sto benissimo, ma in futuro…».

Pubblicato il autore: Mattia Ala Segui

Marco Mancosu, capitano del Lecce, in un’intervista concessa a Tuttomercatoweb, affronta diversi temi, fra cui l’attualità ed il suo futuro professionale. Ecco le sue parole:«Mi mancano gli allenamenti. Il mister è sempre sul pezzo. Con lui ora noi giocatori comunichiamo in maniera differente. Questo ci sembra incredibile. Giocare a calcio è la cosa più bella che ci sia, ma adoro l’allenamento quotidiano, che mi manca. Ci alleniamo a casa, ma non è il massimo. In questo momento, però, sono necessari metodi alternativi. Facciamo allenamenti personalizzati. Per quanto riguarda la ripresa del campionato, più si va avanti più si posticipa. Provano a dare dei numeri, ma nessuno sa come sarà. Si vive alla giornata. Bisogna aspettare che finisca tutto questo. Riprendere il campionato è l’opzione migliore, ovviamente adottando tutti gli accorgimenti del caso. Nessuno deve essere penalizzato. E se si ferma il calcio potrebbero nascere problemi per tanti.  Noi siamo a pari punti col Genoa, senza lo scontro diretto. Non avrebbe senso un verdetto d’ufficio». Il calciatore giallorosso prosegue:«Parlare ora di riduzione di stipendi ha pocA logica. Non si conosco le perdite reali. Poi ogni società ha un suo bilancio. Se saranno necessari sacrifici li faremo, ma oggi non è possibile quantificare nulla. Prima bisogna capire se si torna a giocare o no. E il campionato deve riprendere, per evitare di far saltare il sistema». Mancosu conclude dicendo la sua sul campionato del Lecce e sul suo futuro:«Abbiamo una nostra mentalità. Prendiamo esempio proprio dall’Atalanta, che prima di arrivare a questi risultati ha subito qualche batosta. Non mi preoccupa il 2-7. Noi combattiamo. Prima di questa situazione abbiamo discusso del rinnovo. A Lecce sto benissimo, sono il capitano, ma non posso sapere se ci resterò a vita. Magari succede l’impensabile…… Comunque in Puglia sto benissimo, vedremo».

  •   
  •  
  •  
  •