Paolo De Paola punge: “Non si parla più del prof. Ascierto, perché juventino”

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

Manca il calcio negli stadi, nelle tv e nelle menti dei milioni di appassionati tifosi italiani, quando mancano 13 giornate alla fine di uno dei campionati più equilibrati al vertice della serie A, con Juventus Lazio ed Inter protagoniste e delle due semifinali di Coppa Italia in cui sono presenti Napoli e Milan.

Ma di certo, non mancano le polemiche, quelle resisteranno con tutta la disastrosa pandemia del Covid-19, che ha causato migliaia di morti e contagi in Italia e nel mondo.
Le polemiche, probabilmente lo sport e l’attività più praticata in Italia, qualsiasi ambito esso sia, dal politico, al sociale fino ad arrivare allo sportivo.

Questa volta, è il direttore di Tuttosport, Paolo De Paola, che non nasconde la sua fede, il quale in un post su Facebook, sostiene che “Sono certamente un malpensante, ma del professor Ascierto difeso (giustamente) da una Napoli indignata per la polemica innescata (scioccamente) dal professor Galli si parla sempre meno, dopo che lo stesso Ascierto ha rivelato la sua fede juventina. Curioso, no?”

Sembra alquanto fuoriluogo questa frecciatina, perché in momenti così difficili, pensare a queste cose, vale meno di zero. Anzi, il professor Ascierto, appare quasi sempre nei tg a spiegare come combattere questo mortale virus, consigliando di restare a casa.
Ma c’è chi deve sempre trovare il pelo nell’uovo.  E’ la migliore attività italiana.

  •   
  •  
  •  
  •