Parma, D’Aversa: “Kulusevski? Gli dico di guardare la calma di Ilicic”

Pubblicato il autore: Davide Corradini Segui

Parma, le parole di D’Aversa: “Kulusevski? Gli dico di guardare la calma di Ilicic”. Il tecnico del Parma svela anche i riti del giocatore Bruno Alves, dicendo che è maniacale come Cristiano Ronaldo, prende il sole a dicembre e beve le uova di quaglia…

Parma, D’Aversa si racconta: Kulusevski, Bruno Alves e altro…

Bruno Alves e Dejan Kulusevski, il vecchio e la giovane promessa. Sono loro i protagonisti principali dell’intervista rilasciata da Roberto D’Aversa al giornale Tuttosport. Una lunga chiacchierata in cui il tecnico ducale ha parlato di tante cose, oltre che dei due giocatori citati poco fa.

Il tecnico del Parma, infatti, conferma tutte le grandi qualità del giovane futuro bianconero nel quale rivede addirittura un certo Pavel Nedved: “E’ un vincente. E se lo stuzzichi, è sfrontato: reagisce subito, ma sempre con educazione e in maniera positiva. Era comunque difficile pensare che potesse avere subito un impatto così devastante in Serie A. Un 2000 pronto per essere titolare anche in una big. E’ un calciatore completo e totale. Per il mix di tecnica, forza, generosità, tiro, senso del goal e dell’assist, mi ricorda molto Pavel Nedved“.

D’Aversa però quando deve dare un consiglio a Kulusevski prende prima un altro giocatore ancora in attività: “E’ un esterno d’attacco, o trequartista, da 13km a partita. Abbina quantità e qualità, come dimostrano i 5 gol e i 7 assist. E ne potrebbe aver fatti di più con un minimo di frenesia in meno in area. Assieme al colpo di testa, è l’aspetto in cui Dejan deve crescere maggiormente. A lui dico sempre di guardare come è calmo Ilicic quando entra in area“.

Infine non poter non parlare di Bruno Alves, connazionale di Cristiano Ronaldo e maniacale quanto lui nella cura del suo corpo: “Un esempio? Se c’è il sole, anche se siamo a dicembre, lui si mette a petto nudo per assumere la vitamina D. E a fine allenamento si beve le uova di quaglia selezionandole con grandissima attenzione: scarta quelle che galleggiano e sceglie solo quelle che sono a fondo perchè piene. Parliamo di un atleta di 39 anni, ancora integro. Come CR7 sembra molto più giovane della sua età“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: