Roma, Fonseca: “Decisioni del Governo? Mi sembrano assurde”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

Non vanno giù proprio a nessuno le decisioni prese dal Governo Conte per la cosiddetta Fase 2. Troppi dubbi e contraddizioni nelle scelte, comunicate dal Presidente del Consiglio due giorni fa. La situazione sembra sempre più complicata e difficilmente risolvibile in tempi brevi. In molti prendono come esempio da seguire le varie riaperture attuate negli altri paesi. Poi costretti a rivedere le proprie decisioni per via di un ritorno del contagio da Coronavirus a 48 ore – o meno – dall’ingresso delle nuove direttive. A livello sportivo, la bufera non si placa e in Francia, la Ligue 1 è stata sospesa.

In Italia, il calcio italiano è fermo e nonostante ci sia una data ipotetica per la ripresa degli allenamenti (18 maggio), non c’è ancora chiarezza sulla ripresa del campionato italiano. Piovono critiche sul Governo da parte del mondo sportivo, soprattutto per la questione allenamenti. Il tecnico della Roma, Fonseca, ha parlato a Tele Radio Stereo in merito a questi ultimi aggiornamenti, non dimostrandosi entusiasta:

“Non riesco a capire cosa ha deciso il Governo, è difficile farlo. Possiamo andare a correre nel parco dove ci sono molte persone e non possiamo farlo a Trigoria dove abbiamo tutte le condizioni per allenarci in maniera individuale senza correre rischi. Abbiamo tre campi, sicuramente possiamo dividere i calciatori anche per fasce orarie ed è molto più sicuro di andare al parco con una confusione incredibile. A Trigoria sicuramente abbiamo soluzioni migliori di correre al parco”. 

  •   
  •  
  •  
  •