De Rossi e il suo aneddoto: “A 9 anni rifiutai la Roma per stare con gli amici”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

Oramai per sopravvivere all’astinenza forzata da calcio giocato, gli appassionati e i calciatori stessi si rifugiano nelle interviste. Le dichiarazioni di calciatori e allenatori, arrivano a cadenza giornaliera e in questi giorni siamo venuti a conoscenza di interessanti aneddoti da parte di molti protagonisti del pallone.

Francesco Totti si è dimostrato molto attivo, affermando addirittura di aspettare suo figlio fuori da Trigoria durante i suoi allenamenti con la Roma. Quest’oggi, Daniele De Rossi ha voluto rilasciare delle dichiarazioni riguardo un suo passato rifiuto alla società capitolina quando era bambino. Intervistato dal sito della UEFA, De Rossi ha rivelato questo clamoroso aneddoto:

“Ricordo che venni preso dalla Roma quando avevo 9 anni, nel 1992; tuttavia rifiutai quella chiamata, perché volevo restare con gli amici”. 

A quell’età, rinunciare agli amici non è affatto semplice e Daniele fece una scelta di cuore. Decise dunque di continuare a far parte del club dilettantistico OstiaMare: “un club dilettantistico un po’ atipico, perché non è la classica squadra del paesino o della borgata. Ostia è una città di 400mila abitanti, quindi è già una via di mezzo tra una squadretta e una società professionista, come possono essere Roma o Lazio. Al suo interno esiste anche una certa selezione”. 

Con il passare del tempo, De Rossi accetterà l’offerta della Roma dove scriverà pagine di storia di calcio capitolino e italiano in Nazionale. Una storia non iniziata con il piede giusto, ma gli amici sono gli amici d’altronde.

  •   
  •  
  •  
  •