Giuseppe Pecoraro scatena un altro terremoto calcistico?

Pubblicato il autore: Demetrio Segui


In questi giorni di caos, dovuto ad allenamenti e programmazione della Serie A, un carico da 90, per aumentare la situazione di caos, potrebbe averlo messo l’ex Capo della Procura Federale della Figc, Giuseppe Pecoraro, che ha rilasciato dichiarazioni scottanti al giornale Il Mattino di Napoli, ritornando su Inter Juventus dell’aprile 2018 e sul famoso episodio di Miralem Pjanic.

Le Dichiarazioni

Le dichiarazioni rilasciate dall’ex numero 1 della Procura si riferiscono agli audio-var che egli ha analizzato in merito alla gara controversa che la Juventus ha vinto 2-3 in rimonta, giocando in 11 vs 10 per oltre un’ora. Queste le parole di Pecoraro: “E’ stata la direzione di Orsato di Inter-Juventus che mi ha portato ad avere delle tensioni con il mondo arbitrale. Avevo avuto esposti, sottoscritti, di associazioni, tifosi, organizzazioni sul suo operato e per non sbagliare chiesi ai miei vice se era il caso di aprire o no un procedimento. Io non credo che avremmo trovato prove di malafede e chiesi all’AIA prima e poi alla Lega, a soli fini conoscitivi, i dialoghi audio-video tra Var e arbitro di quella partita. Ce li diedero solo a inizio campionato successivo. Apriamo il file e l’unico episodio in cui non c’è audio registrato era l’unico che ci interessava: quello tra Orsato e il Var che aveva portato alla mancata espulsione di Pjanic. Motivo? Mi dissero che non c’era e basta.” Parole forti quelle di Giuseppe Pecoraro.

Le interpretazioni

Che interpretazioni potrebbero suscitare nel mondo del calcio queste parole? La risposta a questo quesito deve partire dalla buona fede e dalla sincerità delle parole e della persona di Giuseppe Pecoraro perchè è impensabile credere che così non sia visto il ruolo che ha ricoperto, ma soprattutto il rischio che lo stesso Pecoraro correrebbe. Fermorestando ciò bisogna essere consapevoli del fatto che in una situazione del genere queste dichiarazioni era l’ultima cosa di cui il sistema calcio aveva bisogno vista la situazione di acque agitate. Dire cosa si rischia è difficile certo è che un’attenta analisi delle parole dell’ex procuratore federale unita, magari, ad un supplemento di dichiarazioni potrebbe portare ad un nuova situazione di caos all’interno del calcio italiano a pochi giorni dalla nomina di Daniele Orsato come rappresentante degli arbitri in attività. Ultimi ma non ultimi, i tifosi e li lo scenario è facilmente ipotizzabile.

  •   
  •  
  •  
  •