Inter, Ausilio: “Werner non arriva, torna Nainggolan, poi vedremo…”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

Intervistato da Sky, il direttore sportivo dell’Inter, Piero Ausilio, fa il punto della situazione sul mercato nerazzurro ribadendo un concetto già espresso ieri: se il Barcellona vuole Lautaro Martinez, dovrà sborsare i 111 milioni di euro previsti dalla clausola rescissoria. Durante l’intervista, il ds dell’Inter ha parlato del prossimo mercato estivo della sua squadra a livello generale, facendo il punto della situazione riguardo in calciatori seguito dal club:

Tonali ha sicuramente le qualità per giocare nell’Inter, non so se ha la qualità economica per essere acquistato. I parametri li ha tutti per essere un giocatore nerazzurro, ma non conosco quelli di Cellino. Werner? A noi è sempre piaciuto ma non verrà, conosco i motivi e sono vari, conosco l’opinione del ragazzo e del suo entourage. Stiamo seguendo Cunha dell’Hertha Berlino e ci interessa”. 

Leggi anche:  Serie D, Lavello Taranto 2-3: i rossoblù conquistano la promozione in Serie C

Ausilio ha pure parlato di Edinson Cavani, entrato in orbita nerazzurra: “Edinson non è una priorità semplicemente perché il nostro parco attaccanti è formato da Martinez, Lukaku e Sanchez. E soprattutto quest’ultimo adesso ha la possibilità di dimostrare il suo valore e poi valuteremo il da farsi. In più c’è Esposito che è bravo ma è giovanissimo e vedremo se mandarlo a fare esperienza. Quindi staremmo parlando di un altro attaccante e non è Cavani che abbiamo in mente. Vidal in questo momento non è un’opportunità. Il nostro centrocampo è forte e vogliamo migliorarlo attraverso la crescita di talenti come Barella e Sensi. E poi c’è Eriksen che ha solo bisogno di tempo per ambientarsi al meglio“. 

Torna Nainggolan, poi deciderà Conte

Importante il tema riguardante i big in prestito come Perisic, Nainggolan e Icardi:

Leggi anche:  Dove vedere Austria-Macedonia del Nord, streaming e diretta tv in chiaro Rai Sport?

“Per Perisic i termini sarebbero già scaduti ma abbiamo ottimi rapporti con il suo entourage e con lo stesso Bayern per cui abbiamo deciso che ne parleremo più avanti. Situazione diversa per Nainggolan perché non ci sono opzioni, quindi tornerà certamente. Poi valuteremo il da farsi insieme al giocatore e all’allenatore. Icardi so che ha piacere di restare a Parigi. C’è un’opzione che il PSG può esercitare e che scade il 31 maggio. C’è una cifra che è stata condizionata evidentemente dall’emergenza sanitaria, vedremo. Con Leonardo parliamo spesso e so che il giocatore ha firmato un contratto che prevedeva la possibilità di restare lì. L’unica cosa che posso dire di ufficiale è che eserciteremo l’opzione per Young”. 

  •   
  •  
  •  
  •