Premier League, ripresa con partite corte e su YouTube?

Pubblicato il autore: Giacomo Morandin Segui

La Premier League sta provando a ripartire insieme ad i campionati di tutta Europa, e ovviamente i vertici della Federazione stanno discutendo su eventuali modifiche del regolamento, così da aiutare anche i giocatori nella ripresa.

LE PROPOSTE
Gordon Taylor, presidente del Sindacato Giocatori Professionisti (Professional Footballers’ Association) è intervenuto al programma Today di Radio BBC4 spiegando la situazione: “Stiamo discutendo di varie situazioni da attuare con la ripresa del campionato: aumentare il numero delle sostituzioni, giocare in stadi neutrali ma soprattutto partite inferiori ai 90 minuti“.
Il presidente del PFA però dice che non è ancora stata presa alcuna decisione: “Non conosciamo il futuro, bisogna sentire le varie proposte e poi farle sapere anche a manager, allenatori e giocatori così da fargliele assimilare e avere anche il loro punto di vista.”
Il punto cruciale riguarderebbe l‘accorciamento delle partite: c’è ancora da capire se è intesa l’inclusione del tempo effettivo o se saranno sperimentati i due tempi da 40 minuti con intervallo più corto.
I giocatori sicuramente dopo questa pausa “forzata” a causa dell’emergenza Covid-19 e la ripresa degli allenamenti a scaglioni, avranno qualche problema in più dal punto di vista fisico e il rischio infortuni si alza.
Taylor inoltre difende la sua categoria e premia l’ottima collaborazione di tutte le parti in causa: “I giocatori non sono stupidi. Vogliono mettere la sicurezza personale e altrui in primis, c’è un protocollo sanitario (https://news.superscommesse.it/calcio/2020/04/premier-league-ecco-il-protocollo-mascherine-durante-gli-allenamenti-niente-massaggi-396373/) che esperti medici e del Governo hanno vagliato e stiamo già attuando tutti insieme per la ripresa.”

PARTITE GRATIS SU YOUTUBE?
Alcune delle partite di Premier League potrebbero essere trasmesse gratuitamente da YouTube, come riporta il quotidiano inglese “The Sun” (https://www.thesun.co.uk/sport/football/11547034/premier-league-matches-free-youtube/).
YouTube potrebbe diventare una novità, ma non sicuramente per quanto riguarda il match-for-free: l’ultima volta che una sfida del massimo campionato inglese era stata trasmessa gratuitamente è stata nella stagione 2013/2014 con Manchester United-Swansea trasmessa su SkySports mentre BT Sports mostrava Crystal Palace-Arsenal.
La più grande piattaforma web di condivisione e visualizzazione di file multimediali, si aggiungerà quasi sicuramente alle due emittenti televisive proprietari dei diritti TV attuali e probabilmente anche Amazon avrà un piccolo pacchetto di match da trasmettere.
Ci sarà da discutere anche di questo argomento in Federazione, ma la strada sembra già tracciata.

  •   
  •  
  •  
  •