Roma: il piano per risistemare il bilancio

Pubblicato il autore: Spaziani fabrizio Segui

In questo difficile momento per tutti legato ancora all’emergenza Coronavirus, nel mondo del calcio si spera presto a tornare in campo.
La Roma è tra le società che ha espresso maggiormente il desiderio alla ripresa delle attività con in mezzo voci di calciomercato che non si stanno trasformando nella realtà ma, in primo piano si cerca di tenere sotto controllo la situazione economica.
Attualmente il bilancio finanziario in casa giallorossa è in deficit di circa 87 milioni di euro ma, con il trascorrere dei mesi, le perdite potrebbero raggiungere i 110 milioni di euro e parliamo del prossimo giugno quando il primo semestre sarà concluso.
Tutto ciò grazie alla collaborazione dei propri tesserati che sono intenzionati a ridursi il proprio stipendio e la cosa farebbe risparmiare alla società circa 30 milioni di euro.
Sul bilancio, però, pesa molto la mancanza di incassi determinata dal non svolgimento di gare sia in campo nazionale che in campo europeo così come gravano, per le casse giallorosse, i mancati introiti legati ai diritti televisivi.
Nella speranza di una futura partecipazione alla prossima Champions League, cosa al momento non fattibile, ci sono due strade che potrebbero ricondurre al miglioramento di tale deficit: la prima é il taglio degli stipendi e la seconda riguarda le plusvalenze.
Per quanto concerne gli ingaggi si cercherà di arrivare ad un massimo di 3 milioni di euro vendendo alcuni calciatori che gravano maggiormente tipo Juan Jesus, Fazio, Pastore e Perotti.
Per quanto riguardo le plusvalenze, invece si potrebbero realizzare con la cessione di Florenzi e Under inoltre la società valuterà anche offerte in merito a Cristante e Spinazzola che sono molto appetibili sul mercato.
Infine il presidente Pallotta attuerà l’aumento di capitale per 40 milioni nella speranza che poi avvenga il passaggio di consegne con Friedkin.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: