Sconcerti: “Higuain dovrebbe essere denunciato. Ha senso riprendere un campionato ormai vecchio e senza emozioni?”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

Il campionato riprende? Il pensiero di Sconcerti. Il calcio è ormai fermo da due mesi ed è ancora un rebus l’eventuale conclusione della Serie A. Intervistato da calciomercato.com, il giornalista Mario Sconcerti ha analizzato così la situazione burrascosa: “I club aspettano che decida il Governo. E’ chiaro che il calcio non vuole decidere. Ragioni semplici: ci sono diritti televisivi in ballo. I club – se il Governo ferma il campionato – sono sicuri che le televisioni pagheranno lo stesso. Io credo di no, ma non sono un giurista. Quindi aspettiamo. trovo scandaloso il modo in cui si torna a giocare. Prima abbiamo chiesto ai giocatori che si taglino gli stipendi, ora gli si prospetta l’eventualità di chiudersi due mesi in un albergo e uscire solo per giocare. Questi devono andare in campo, giocare, divertirci e tornare in galera. Sono sincero: a me sembra una roba da gladiatori, è un calcio da gladiatori. E tutto questo perché ci sono venti presidenti che vogliono i soldi, mica per altro”.

Sconcerti, che attacco a Higuain. Il giornalista è contrario a qualsiasi ripresa del campionato “se devo ricominciare da un campionato vecchio che mi dà poche emozioni e con i giocatori in carcere che vanno in campo per fare divertire chi? Non lo trovo civile e non ne ho nemmeno voglia di un calcio così contraffatto”  e conclude la sua intervista al sito con una frecciatina all’attaccante della Juventus” Il primo ad andarsene fu Higuain, lo ricordo bene. Abbandonò la quarantena. Ora, quando torna, in teoria ci sarebbe il dovere di una denuncia, non so se ci sarà. Tutti però adesso avranno il dovere di una quarantena”. 

  •   
  •  
  •  
  •