Bentancur: “Mi ispiro a Lampard e Gerrard”. E il Barcellona ci prova…

Pubblicato il autore: Alessandro Nidi Segui

È un mix di sagacia tecnica e abnegazione, Rodrigo “Lolo” Bentancur, centrocampista in forza alla Juventus dopo essere sbarcato a Torino nell’ambito della trattativa che ha portato Carlos Tévez al Boca Juniors. Il calciatore si è concesso nelle scorse ore ai microfoni (o meglio: ai taccuni) del quotidiano nazionale “La Stampa”, a cui ha dichiarato: “Ho avuto subito la sensazione di entrare in una grande famiglia e ho respirato la mentalità vincente del club. Allegri mi ha dato fiducia. Sarri conta su di me? Un orgoglio e una responsabilità, ma penso solo a lavorare: so bene di dovere migliorare ancora molto”.

Bentancur, tra idoli e futuro

Nel corso della chiacchierata con la testata giornalistica, Rodrigo Bentancur, sul quale il Barcellona ha provato senza successo a inserirsi in questi giorni, ha parlato dei suoi idoli (“Non avevo riferimenti nel mio ruolo. In Uruguay il mio modello era Forlan, un attaccante. E per mestiere studiavo calciatori europei: Lampard, Gerrard e Busquets) e della ripresa del calcio giocato a porte chiuse: “Non sarà facile senza tifosi e il caldo si farà sentire, noi però ci stiamo allenando duramente e siamo pronti. La Juve vuole vincere sempre. La Coppa Italia è il primo traguardo della stagione: ci teniamo moltissimo”. Nella lotta scudetto, invece, il sudamericano include anche l’Inter: “Dopo uno stop così, tutto è possibile. Serve ritrovare in fretta forma e motivazioni”. E la Champions League? “Un sogno e un obiettivo”.

  •   
  •  
  •  
  •