Bergomi: “Ecco chi avvantaggia i 5 cambi”

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui


Giuseppe Raffaele Bergomi, o semplicemente Beppe Bergomi, è uno dei più amati volti del passato interista. Classe  1963, difensore centrale, l’ex capitano ha fatto la storia dell’Inter e della nazionale italiana, con la quale ha vinto anche un Mondiale nel 1982. Fin dagli inizi della sua carriera ha sempre giocato nell’Inter, dalla stagione 1979-80 fino alla stagione 1998-99, collezionando 757 presenze e segnando 28 reti con la maglia neroazzurra. 20 anni passati nella retrovia del club milanese, impreziositi dallo storico Scudetto dei record con Trapattoni. Insieme all’Inter vincerà uno Scudetto, una Coppa Italia e una Supercoppa italiana, mentre in campo internazionale collezionerà tre Coppa Uefa negli anni ’90. “Lo Zio“, così chiamato dai tifosi interisti, è anche uno dei volti e delle voci di Sky Sport, fedele compagno di telecronaca di Fabio Caressa.

Leggi anche:  Ottavi Euro 2020: dove si piazzano le migliori terze nel tabellone?

Bergomi: “L’Inter mi è piaciuta in Coppa Italia”

Lo Zio Bergomi è stato intervistato da Crisalidepress.it e ai loro microfoni ha spaziato su vari tempi, ovvero dalla lotta scudetto che riprenderà nei prossimi giorni, fino all’esperienza del Coronavirus che l’ha visto protagonista: “Sono stato male ai primi di marzo, ma solo il test sierologico e il tampone mi hanno dato conferma di essere stato positivo. Eppure inizialmente non mi sono spaventato più di tanto, perché i sintomi non erano riconducibili al Covid-19. Ho avuto un solo giorno di febbre, ma in compenso una settimana di forti dolori alla schiena. Dopo ho perso gusto e olfatto, oltre ad una sensazione di malessere generale. Solo dopo che ho fatto il test ho capito che avevo contratto il virus” spiega Bergomi.

Leggi anche:  Mourinho chiama Sergio Ramos, la Roma tenta il colpo

Poi spazio alla ripresa del calcio italiano avvenuta il 12 Giugno con la sfida di Coppa Italia tra Juventus e Milan, con quest’ultima eliminata dai bianconeri nonostante lo 0-0 che ha condito la sfida. La Serie A vedrà l’avvio il 20 Giugno e l’ex capitano dell’Inter ha detto la sua sulla lotta scudetto che vede protagonista Juve, Lazio e Inter: ” I valori sono questi, la Juventus è quella che comanda, la Lazio stava facendo benissimo, l’Inter sembrava un po’ in difficoltà dopo le sconfitte con Lazio e Juve ma mi è piaciuta in Coppa Italia contro il Napoli e restano le tre che si giocano il campionato” afferma Bergomi che poi continua: “Dire come si ripartirà è però impossibile, perché abbiamo vissuto qualcosa di eccezionale e non esiste uno storico. La partite ogni 3 giorni? Sono più preoccupato per la tenuta che per gli infortuni“. Infine spazio alla novità di questa ripresa, ovvero i 5 cambi, già testati nei match di Coppa Italia: “Con i cinque cambi, chi ha la rosa più lunga e ricca di talenti che fanno la differenza è avvantaggiato. Penso all’attacco della Juventus, con tanti giocatori di qualità in grado di entrare e decidere una gara” ha concluso Bergomi.

  •   
  •  
  •  
  •