Juventus, Sconcerti: “Sarri si gioca la conferma in panchina nelle prossime partite”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

Il primo anno di Maurizio Sarri nella Juventus non è stato affatto semplice. Nonostante la vetta in Serie A, la sua Juve non ha ancora convinto i tifosi e forse nemmeno la dirigenza bianconera. I confronti con l’operato di Max Allegri si consumano sui giornali, ma lo stile dei due allenatori è troppo dissimile per certi paragoni. I due tecnici sono troppo diversi a livello di filosofia di gioco e il compito di Sarri di portare il suo calcio in una squadra abituata a giocare in maniera totalmente diversa dal suo stile, è un’impresa non semplice e che avrebbe messo in difficoltà chiunque.

Sul lato difensivo, è pesata tremendamente l’assenza di Giorgio Chiellini, il quale avrebbe fatto crescere il nuovo arrivato De Ligt, che si sta comunque conquistando la fiducia dei tifosi migliorando partita dopo partita. Secondo il noto giornalista Mario Sconcerti, Sarri si giocherà la panchina in queste ultime partite tra campionato e Champions League. Ecco il pensiero di Sconcerti espresso in un articolo pubblicato sul Corriere della Sera:

Leggi anche:  Coppa Italia, dove vedere Inter-Milan: streaming e diretta tv

“Juve, Milan, Napoli e Inter saranno le uniche squadre a provarsi davvero prima di ricominciare. Questo le porterà avanti di una decina di giorni sulle altre. Anche la formula rubata al virus è la più spettacolare, tutte finali in pochi giorni con un risultato che a molte salverebbe la stagione. È questo uno dei fascini perversi di questa coda: siamo costretti a rimettere in discussione quelle che consideravamo certezze. Adesso si riapre tutto, arrivano risultati definitivi. Conte deve ricominciare a cercare di vincere, quindi rischierà di perdere due volte. Risultato che metterebbe in discussione tutto il suo lavoro. La Juve ha già perso la Supercoppa e tre partite subito prima del lockdown, contro Lazio, Verona e Lione. La sua vera stagione comincia adesso, quindi anche tutti gli scenari che ne sono di conseguenza, punto primo la conferma convinta del tecnico”. 

  •   
  •  
  •  
  •