Pistocchi contro i detrattori di Sarri: “Siete solo dei maestrini”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

La vittoria contro il Bologna ha ridato decisamente morale alla Juventus di Maurizio Sarri, che ora si trova al primo posto con quattro punti di vantaggio dopo la sconfitta esterna della Lazio sul campo dell’Atalanta ieri sera. Questi ultimi giorni sono stati ottimi per i bianconeri, rinvigoriti da vittoria e punti in campionato, tentando così di lasciare alle spalle la sconfitta in finale di Coppa Italia contro il Napoli di Gattuso ai calci di rigore.

Il tecnico della Vecchia Signora, Maurizio Sarri, è stato però bersagliato da diverse critiche per via delle due partite contro Milan e Napoli in Coppa Italia, dove la Juventus non è riuscita ad andare in gol. Più che altro, a tanti tifosi bianconeri non è piaciuta la prestazione fornita all’Olimpico contro il Napoli: nonostante la prestazione sul piano del palleggio sia stata buona, i partenopei hanno generato azioni da gol importanti costringendo Buffon agli straordinari per più di una volta. Inoltre non è piaciuto lo schieramento di Paulo Dybala come ala nel 4-3-3, dato che la Joya ha ampiamente dimostrato di trovarsi bene al centro dell’attacco e non in posizioni esterne. Tante critiche insomma.

Leggi anche:  Esame farsa Suarez, Ziliani duro: "In un paese serio Paratici sarebbe squalificato a lungo e la Juventus sanzionata"

La critica di Pistocchi ai detrattori

Secondo molti tifosi juventini, il merito della vittoria contro il Bologna va dato esclusivamente ai calciatori e non al tecnico. In proposito, il noto giornalista Mediaset, Maurizio Pistocchi, ha voluto dire una sua mediante uno dei suoi soliti tweet velenosi, lanciando una frecciata ai detrattori di Sarri:

“Quelli che ieri aizzavano la canea contro MSarri per far passare la tesi che il risultato negativo contro il Napoli fosse colpa sua oggi dicono che il merito della vittoria a Bologna è dei giocatori. Sono maestrini che hanno un pensiero così debole che non dura neanche 3 giorni“. 

  •   
  •  
  •  
  •