Zaccheroni: “La verità su Chiellini-Felipe Melo”

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui


Chiellini da qualche settimana ha pubblicato la propria biografia “Io, Giorgio“, dove ha raccontato aneddoti della sua carriera e non ha risparmiato frecciatine ad ex compagni di squadra. In particolar modo hanno fatto discutere le dichiarazioni su Balotelli e Felipe Melo, con quest’ultimo che ha risposto per le rime al difensore e capitano della Juventus, dicendo che ce l’aveva con lui perché una volta ha dato “una testata in faccia“. Moltissime sono le persone che si sono alternate nel dare un proprio parere alla polemica nata dal libro di Chiellini, tra cui Alberto Zaccheroni, classe 1953 ed uno dei pochi allenatori ad aver allenato le tre big italiane. E’ stato tecnico della Juventus nel 2010 e quindi ha avuto l’onore di allenare entrambi i giocatori durante il suo anno in bianconero.

Leggi anche:  Gollini, numeri da record: 0,68 goal a partita e 42% di clean sheet

I rapporti con Felipe Melo – Zaccheroni, in una sua intervista per Tuttosport, ha detto la sua su Felipe Melo, centrocampista brasiliano, spiegando il rapporto con lui: “Io avevo un buonissimo rapporto con Melo.  In allenamento non l’ho mai visto litigare o dare calci a nessuno… Detto questo, non lo andavo a marcare fuori. Mi riportavano che era un po’ disordinato fuori dal campo, ma l’allenatore non deve andare a marcare i giocatori nella vita privata. Bisogna cercare di farglielo capire. Se mi da tutto in campo e la notte poi fa tardi, io faccio finta di non sapere” ammette l’ex tecnico juventino.

Le parole di Chiellini – Zaccheroni, poi, è intervenuto sulle parole del capitano della Juventus: “Chiellini è un ragazzo intelligente. Evidentemente non ha gradito certe cose perché saranno state fatte in momenti sbagliati. Se in campo uno rende, può fare come vuole, ma se in campo non ti dà una mano… Comunque per Chiellini ho grande stima: è evidente che rimarrà nella famiglia Juve, si vede che è responsabilizzato dalla società. E’ pronto e se lo merita” conclude Zaccheroni

  •   
  •  
  •  
  •