Berat Djimsiti, l’eroe silenzioso che comanda la difesa dell’Atalanta

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

Una rosa come quella dell’Atalanta è composta da giocatori di ogni tipo: ci sono i fenomeni, le sorprese, quelli promottenti e coloro che hanno bisogno di qualche ritocco tattico per ritornare i bravi fenomeni di qualche stagione fa. Poi ci sono quelle pedine messe in secondo piano, nonostante risultino forti per il lavoro che fanno: quegli eroi silenziosi che sono sempre promossi a pieni voti, ma allo stesso tempo poco citati da tutti. Nella Dea questa tipologia di giocatore si chiama Berat Djimsiti: difensore che, nel giro di qualche mese, è diventato titolare della difesa, risultando insieme a Toloi come i primi nomi della lista di Gian Piero Gasperini quando c’è bisogno di comporre la linea della retroguardia.

La certezza silenziosa chiamata Djimsiti – Il numero 19 atalantino è stato autore di una stagione grandissima tra campionato e UEFA Champions League, da quando (insieme a Rafael Toloi) si è preso una difesa dove la discontinuità era un problema da risolvere assolutamente. Con il rientro post Covid-19, l’Atalanta è rimasta imbattuta dietro ben 5 volte su 10 (compresa anche la gara con la Juventus visto che i bianconeri hanno segnato su due rigori). A capo di tutto? La fisicità e grinta dello stesso Djimsiti. I nerazzurri sono secondi, scrivendo la storia della società bergamasca: contesto che passa anche da quel ragazzo silenzioso nella quale la sua presenza si fa sentire in campo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: