L’Atalanta è un turbo diesel! Battuto anche il Napoli

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

Il Napoli, dopo la sconfitta di ieri a Bergamo contro l’organizzata Atalanta di Gian Piero Gasperini, può dire definitivamente addio alla rimonta alquanto flebile di una qualificazione in Champions League.

Napoli, dopo un primo tempo in cui ha saputo gestire la gara, senza soffrire più di quanto potesse aspettarsi, visto le goleade che i nerazzurri hanno inflitto a Milan, Torino ed Udinese, non ha saputo però infliggere la Dea, che con un Zapata, che sembra un carro armato, ed un Papu Gomez, che per sua sfortuna è emerso troppo tardi nel mondo del calcio sono stati decisivi.
Forse anche il caldo, l’umidità, nel primo tempo le due squadre si sono studiate; nella ripresa, il diesel dell’Atalanta ha fatto la differenza.
In 9 minuti la squadra di Gasperini, dopo un errore di Fabian Ruiz che ha permesso il gol del vantaggio a Pasalic, ed un tiro sbilenco di Toloi, diventato assist per Goesens, ha chiuso la partita. E non è la prima volta, anche la Lazio, due giornate fa, vinceva 0-2 poi nella ripresa, i bergamaschi, ribaltarono il risultato vincendo per 3-2.

Leggi anche:  Gattuso-Fiorentina: è già divorzio!

Napoli tramortito, in quei 10 minuti iniziali della ripresa, bergamaschi, che sembravano 11 Ivan Drago per forza, corsa, pressione e raddoppio sui portatori di palla, che non facevano ragionare la squadra di Gattuso.

Lozano nel secondo tempo, è stato quello che ha dato più fastidio alla difesa bergamasca, che può quasi festeggiare la seconda qualificazione consecutiva in Champions League.

  •   
  •  
  •  
  •