Parma-Atalanta 1-2, la certezza chiamata Ruslan Malinovskyi

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui


Entrare nella ripresa, spaccare notevolmente una partita che sembrava in panne, fare goal e diventare a tutti gli effetti quell’asse tra centrocampo e attacco che mancava nei primi 45 minuti. Ruslan Malinovskyi, attraverso pochissimi passaggi, è riuscito a dare la sua impronta allo stadio Ennio Tardini di Parma contro i crociati. Un riscatto, quello del numero 18 atalantino (con il Milan a San Siro aveva sbagliato un calcio di rigore), dove non si fa altro che evidenziare la certezza che è stato in tutto il girone di ritorno: un lavoro dove la pazienza ha portato bene all’Atalanta di Gian Piero Gasperini sotto tutti i punti di vista.

Quota 8 goal stagionali per Ruslan Malinovskyi: il “boom” del trequartista – Ieri sera il trequartista ucraino si è dimostrato decisivo ai fini del risultato finale. Proprio la tipologia di giocatore che all’Atalanta serviva in questi momenti: una pedina in grado di cambiare le carte in tavola. Malinovskyi ha rivitalizzato il reparto offensivo della Dea portando qualità e apertura degli spazi, nella quale gli episodi sono stati sfruttati nella maniera migliore possibile: specialmente le punizioni dove il numero 18 nerazzurro ha tirato una bomba devastante per trovare il momentaneo 1-1. Non esistono altre parole per descriverlo: una vera e propria certezza.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: