Atalanta, obiettivo rimanere grandi. Cessioni solo ad offerte alte

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

Siamo in pieno periodo di calciomercato, e l’Atalanta (come tutte le società di Serie A) si sta muovendo in maniera molto dinamica per cercare di rinforzare al meglio una rosa che si è confermata per il secondo anno di fila la terza forza del campionato. In molti si stanno soffermando sui probabili colpi in entrata (Miranchuk e Vojvoda su tutti), ma per quanto concerne le cessioni, è un capitolo tanto chiaro quanto scontato: indipendentemente da tutto quello che si sente tra voci e proposte ai limite del “sentito dire”. Non perdiamoci in chiacchiere e analizziamo la situazione.

Permanenza o cessione a offerte alte: il sintomo di essere una grande società – L’Atalanta ormai si è confermata grande, e non solo sul campo: l’ambizione di una società si vede soprattutto dal calciomercato, anzi, forse più nelle uscite che non (solo) nelle entrate. Perché? Il motivo è abbastanza semplice: consolidando una rosa abbastanza competitiva, e di conseguenza cambiando notevolmente la routine storica (prima i “big” venivano ceduti subito), fa capire tanto sulle intenzioni nerazzurre. L’obiettivo dell’Atalanta è quello di tenere tutti, nella quale il termine “vendita” è soltanto applicabile ad una vera e propria offerta di mercato. Esagerazione? No, è una tutela del proprio lavoro fatto in questi anni. Giocatori di alto livello meritano cifre di alto livello e non si accettano svalutazioni: l’intenzione è quella di far valere ancora l’Atalanta (proprio come fanno le grandi squadre).

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: